L’omeopatia in Italia

Quanti italiani conoscono l'omeopatia? E quanti ne fanno uso? Qualche dato sull'utilizzo delle cure omeopatiche nel nostro paese.

11 Settembre 2017
L’omeopatia in Italia

Secondo il rapporto Omoeopatia: l’immagine odierna, commissionato da Omeoimprese alla società di ricerche di mercato Emg, l’80% degli italiani conosce l’omeopatia e uno su cinque l’ha utilizzata almeno una volta nei dodici mesi precedenti l’indagine. Percentuali in crescita, visto che nel 2012 erano il 16,2% e nel 2015 il 16,5.

In particolare, è aumentato l’uso di farmaci omeopatici soprattutto in pediatria: quasi tre italiani su dieci dichiarano di farne uso per i figli, senza aver mai registrato effetti avversi. A usarla di più sono le donne e la fascia di età tra i 34 e i 54 anni. In diverse Regioni si è diffusa in maniera capillare; la Toscana è capofila perché l’ha introdotta nei Lea (Livelli essenziali di assistenza) integrativi regionali.

L’omeopatia si fa strada anche nell’oncologia integrata: nella sola Toscana il 37,9% dei pazienti ha usato una o più medicine complementari; l’89,6% ne ha sperimentato i benefici e il 66,3% ha informato il proprio medico di questa scelta. L’omeopatia è entrata all’ospedale di Pitigliano in Toscana, alla Breast Unit dell’ospedale Sacco di Milano, al Centro senologico dell’ospedale Santa Chiara di Pisa, all’ospedale di Merano e al Bellaria di Bologna.

-

Articolo tratto dal mensile Terra Nuova Settembre 2017

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online  

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra