Sud Italia a piedi: sulla via del Tratturo Magno

Un percorso di 250 chilometri che collega l’Aquila a Foggia, passando attraverso il Molise. Il Tratturo Magno, antica via usata dai pastori per la transumanza del bestiame, rappresenta l’itinerario ideale per un vacanza a piedi, alla scoperta di un territorio poco esplorato e ricco di tesori.

13 Ottobre 2017
Sud Italia a piedi: sulla via del Tratturo Magno

Tutto è iniziato con il Cammino di Santiago, una via di pellegrinaggio percorsa fin dal Medioevo, che negli ultimi anni è stata oggetto di una vera e propria riscoperta, grazie allo status di «patrimonio Unesco»quisito nel 1985. Poi è stata la volta della via Francigena, un altro sentiero che attira oggi numerosi turisti e amanti del trekking. In effetti, complici lo stress e la frenesia della vita quotidiana, il viaggio a piedi sta vivendo un momento di grande ripresa, che procede di pari passo con una crescente sensibilità ecologica.

Oltre ai cammini più famosi, esistono però tanti itinerari meno conosciuti e frequentati, capaci di regalare sorprese ai loro visitatori. Tra i cammini italiani più affascinanti si trovano ad esempio i tratturi del Sud, antiche strade verdi un tempo percorse da pastori e mandrie di bestiame. La principale tra queste vie è il Tratturo Magno, detto anche Tratturo del Re, che collega L’Aquila con Foggia, passando attraverso il Molise. Un percorso lungo 250 chilometri, utilizzato fino a quasi cinquant’anni fa, che permetteva ai pastori di spostare il bestiame a seconda delle stagioni, sfruttando il clima mite della Puglia in inverno e il fresco delle alture abruzzesi in estate.


Forse ti interessa anche:

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra