Arriviamo al succo

Nuove regole per le etichette dei succhi di frutta. La prima grossa distinzione sarà quella operata tra il succo vero e proprio e il nettare.

05 Giugno 2012

Mentre il primo non dovrà contenere zuccheri o edulcoranti per definizione, il nettare invece, a base di purea di frutta con aggiunta d'acqua, potrà contenerne. Le etichette "senza aggiunta di zucchero" non saranno tuttavia consentite a nettari che contengano dolcificanti artificiali, come ad esempio, la saccarina, per evitare confusione.

Un mix di due succhi di frutta in futuro dovrà avere un nome che ne rifletta il contenuto: ad esempio, una miscela con il 90% di mela e il 10% di succo di fragola si chiamerà "mela e succo di fragola", mentre attualmente può essere etichettata semplicemente "succo di fragola".

Stessa storia vale per il succo d'arancia, che spesso viene miscelato con succo di mandarino, senza che quest'ultimo venga menzionato.

Un nome generico come "succo misto" potrà essere utilizzato se ci sono tre o più fonti di frutta.

FonteHelpconsumatori.it 

di Terra Nuova

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra