La musica che cura le piante

Dalla Francia arriva una tecnica innovativa per stimolare la crescita delle piante e combatterne i parassiti. Una tecnica ecologica che rappresenta uno stimolo per riflettere attorno al mondo della materia, delle vibrazioni, delle frequenze e delle armonie.

26 Agosto 2010



Nella tradizione dei nativi d'America e di altri popoli, lo sciamano utilizzava determinate melodie per curare numerosi disturbi. Impieghi analoghi della musica si ritrovano nelle antiche culture del Sud America, della Cina, dell'India e perfino della nostra Europa. Oggi anche la medicina convenzionale riconosce gli effetti positivi della musica per la cura di stati d'ansia, ipertensioni e numerose altre patologie.

L'uso della musica non è limitato all'ambito umano. La musica classica è utilizzata in alcune stalle e allevamenti di ovaiole per aumentare il benessere degli animali e quindi la produzione. Ma c'è di più: alcuni scienziati affermano che anche le proteine «cantino» e siano in grado di reagire a determinati brani musicali.

Lo scorso inverno ho conosciuto Pedro Fernandez in un piccolo paesino dell'Alta Langa piemontese, a Cissone. Per tre giorni ho tradotto a una platea, poco numerosa ma particolarmente interessata, il racconto delle sue sperimentazioni, scaturite dalle intuizioni del fisico francese Joel Sternheimer riguardo ai proteodi.

La musica delle proteine
«Tutto è vibrazione»: partendo da questa affermazione, Joel Sternheimer e i suoi collaboratori sono arrivati ai principi e alle applicazioni della musica delle proteine: le proteodie. La base di questi studi sono le «frequenze in serie» o «risonanze su più livelli». In parole semplici, ad ogni proteina corrisponde una melodia specifica costruita a partire dalle onde emesse dagli amminoacidi che la compongono. Gli amminoacidi, componenti essenziali delle proteine, si assemblano seguendo le indicazioni di un codice presente nel DNA, che viene copiato nell'RNA Transfer, o RNA messaggero. È proprio nel momento nel quale i vari amminoacidi si attaccano fra di loro che questi emettono una frequenza ben specifica, e la frequenza delle onde emesse è proporzionale alla massa della molecola dell'amminoacido.
Sono innumerevoli le reazioni tra amminoacidi che si svolgono allo stesso tempo in una cellula, e sono milioni le cellule che compongono una pianta o un essere umano. Quindi non si può parlare di un singola melodia prodotta da un amminoacido, ma di un'infinità di vibrazioni che entrano in risonanza, amplificando la frequenza a diversi stadi dell'organizzazione di un organismo vivente. Si tratta di frequenze in serie perché queste onde sono capaci di una comunicazione con tutti i livelli dell'organismo: i diversi livelli di organizzazione della materia. Questa è la scoperta...


Sempre nell'articolo:

>> Una nuova scienza: la genodica

>> L'applicazione in pratica

>> Le melodie delle proteine

>> Il brevetto europeo

>> I risultati: gli esiti degli esperimenti in Senegal, in Svizzera e in Belgio

>> Le zucchine della Provenza...

>> ... e le insalate in serra

>> Musica in vigna contro il mal dell'esca...

>> ... e contro gli arresti di fermentazione in cantina

>> Settore zootecnico: musica e parto delle capre


La versione completa dell'articolo è disponibile nel numero cartaceo Settembre 2010 di Terra Nuova o come eBook.






La nostra rivista: TERRA NUOVA 

Abbonati a Terra Nuova

Acquista l'ultimo numero della rivista

Leggi on line la copia omaggio integrale della nostra rivista 

di Adriano Zago

ghera

10/01/2011 14:10

Invece a Forlì dove posso trovare la vostra rivista?
Grazie Gabriele

Federica - Terra Nuova

08/09/2010 12:23

Gentile Enzo,
può trovare la nostra rivista presso il Supermercato Natura Si di Padova oppure presso il Bioemporio in via cavallotti 63.
Per quanto riguarda la rivista online, ad oggi è possibile consultare soltanto gli arretrati in questa modalità, mentre per il numero in corso della rivista e per l'abbonamento annuale, stiamo valutando questa possibilità.

Un caro saluto, Federica

Enzo

06/09/2010 19:33

Buongiorno a tutti.A Padova dove posso trovare la vostra rivista?
Esiste la possibilitá di leggere la rivista on-line (vivo a Nasca-Peru!)

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra