I polli della Toscana? Diossina anche lì

Patrizia Gentilini, oncologa e membro dell'Associazione Medici per l'Ambiente, diffonde i risultati di analisi effettuate sulla carne di pollo dopo l'incidente all'inceneritore del pistoiese.

18 Aprile 2009
Ecco l'intervento della dottoressa Patrizia Gentilini.

Sono stati recentemente diffusi i risultati di esami fatti su matrici biologiche ( latte, uova, carne di manzo, pollo ecc.) eseguiti - su forte pressione dell'opinione pubblica- in seguito all' incidente occorso nell' estate del 2007 all'inceneritore di Montale (PT), incidente che comportò sforamenti notevoli per diossine e similari e che portò alla sua chiusura, purtroppo, temporanea. Orbene questi valori sono assolutamente preoccupanti e nella carne di pollo si arriva a livelli di diossine e PCB dioxin- like fino a oltre 10 volte il limite ammesso. Il limite per la commercializzazione di carne di pollo infatti è 4 ng/kg: su 8 campioni di carne di pollo 5 sono nettamente oltre questa soglia (fino a 10 volte tanto). Il campione con il risultato più alto (46.2) è stato eseguito in "zona bianca", al di fuori quindi dell'area di ricaduta dell'inceneritore in questione, ma....udite, udite, a poche centinaia di metri da un altro impianto di incenerimento! Anche altri prodotti sono risultati contaminati: uova di gallina 7,43 , uova di oca 10.31 (il limite per le uova è 6 ng/kg ) e nell' unico campione di carne bovina è stato riscontrato un valore di 5.49, superiore al limite ammesso. Ma non basta, si rassicurano i cittadini affermando che si tratta di impianti modello, che il monitoraggio è continuo e ci si accorge - dagli stessi dati forniti dal gestore dell' impianto - che nel mese di febbraio esso ha lavorato per oltre 60 ore senza carboni attivi (deputati all' abbattimento delle diossine) e che le Autorità competenti non se ne erano neanche accorte! C'è da rimanere sconcertati, nonostante l'evidenza dei dati, gli esempi sempre più numerosi di mal funzionamento di questi impianti, danni acclarati ed ormai ben quantificati alla salute umana ed all'ambiente, si continua a "promuovere" l'incenerimento, nonostante le alternative esistenti e già ampiamente realizzate e a fornire, non si sa su quali basi, rassicurazione alle popolazioni. E' penoso constatare ancora una volta che le Istituzioni sono lontane dai veri problemi dei cittadini (la Salute innanzi tutto), sono acquiescenti nei confronti di grandi e piccole lobbies, ascoltano solo ciò che vogliono sentire e non le voci sempre più allarmate che si levano dalla Comunità Scientifica indipendente. Si trascurano sistematicamente le opinioni scientifiche minoritarie che, viceversa, dovrebbero essere prese in ben più seria considerazioni viste le troppe " Lezioni apprese in ritardo da pericoli conosciuti in anticipo", ma, come disse Max Plank premio Nobel per la Fisica: "i vecchi paradigmi della scienza vengono cancellati solo quando i Professori che li hanno proposti e che su questi hanno costruito le loro carriere scientifiche e didattiche e le loro fortune sono morti". Peccato che tanti innocenti nel frattempo ne debbano pagare, ingiustamente, il prezzo.

di C.B.

I polli della Toscana? Diossina anche lì
  • Attualmente 4 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 3.8/5 (6 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!