Case popolari in bioedilizia

Ad Albenga, in Liguria, sono stati progettati 24 alloggi secondo i criteri di «casa passiva» nell'ambito di un piano di edilizia popolare. Un modello da imitare, in un paese come l'Italia che in questo campo è il fanalino di coda in Europa.

29 Aprile 2010



Provate ad immaginare cosa significherebbe costruire quartieri e città interi rispettando i criteri di risparmio energetico e minore impatto ambientale. Provate a pensare come potrebbe migliorare l'ambiente intorno a noi e la nostra qualità della vita se l'edilizia italiana applicasse finalmente i criteri propri delle case passive, cioè delle abitazioni che producono più energia di quanta ne consumino. I costi sarebbero all'inizio leggermente più elevati, ma verrebbero ammortizzati nel giro di dieci anni al massimo, per poi non costituire più un problema.

Un esempio da imitare
L'Italia è ancora estremamente arretrata in questo campo; basti pensare che il nostro Paese ha alcuni tristi primati in Europa. È il primo Paese per emissioni di CO2 pro-capite imputabili alle case con 86 milioni di tonnellate l'anno; è primo anche per perdita di energia totale all'anno con il 17,5% del totale europeo; e l'Italia sale sul podio più alto anche per perdita di energia dai tetti delle abitazioni. Manca ancora una consapevolezza diffusa di quanto siano importanti l'isolamento termico e l'applicazione delle nuove tecnologie per il risparmio energetico e l'utilizzo di energie alternative; anche la legislazione è carente in materia.

Esistono però svariati esempi di «saggezza» applicata all'edilizia e uno di questi esempi è stato realizzato in Liguria, ad Albenga, nel quartiere Vadino nell'ambito di un piano di edilizia popolare. Si tratta di 24 alloggi per i soci della cooperativa «La casa ecologica dei Vigili del Fuoco», così chiamata perché nata dall'iniziativa dei vigili del fuoco la cui caserma....


Sempre nell'articolo:

>> La casa Ecologica di Albenga: un modello di sostenibilità. L'articolo spiega in dettaglio la nascita e lo sviluppo del progetto, analizzando infine i vari ambiti di azione e le scelte messe in atto:

- Energie rinnovabili e risparmio energetico
- Uso razionale dell'acqua
- Purificazione dell'artia
- Mobilità sostenibile
- Rifiuti


L'articolo è disponibile nella versione eBook.

Le nostre riviste: TERRA NUOVA e SALUTE E'

Acquista ultimo numero

Abbonati alla rivista

Acquista un arretrato

I libri di Terra Nuova Edizioni

Visita lo shop on line

di Claudia Benatti

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra