Genesi, viaggio ai confini della terra. Grazie Sebastião

La natura e l’uomo. Un epico viaggio ai confini della Terra: l’opera di Salgado dedicata al nostro pianeta ancora incontaminato

05 Gennaio 2017

“In Genesi, la mia fotocamera ha permesso alla natura di parlare. E io ho avuto il privilegio di ascoltare.” — Sebastião Salgado

Per ricordarci sempre che la natura e il nostro pianeta sono un meraviglioso dono.
Nato e cresciuto in una fattoria del Brasile lontano dalla civiltà e senza televisione, Salgado nutre un profondo rispetto e amore per la natura ed è particolarmente sensibile al modo in cui gli esseri umani vengono condizionati dalle loro (spesso devastanti) condizioni socio-economiche. Tra le numerosissime opere che Salgado ha realizzato nel corso della sua prestigiosa carriera, spiccano tre grandi progetti di lungo periodo: Workers (1993), che documenta le vite invisibili dei braccianti di tutto il mondo, Migrations (2000), un tributo alle migrazioni di massa causate dalla carestia, dai disastri naturali, dal degrado ambientale e dalla pressione demografica, e questa nuova opera, Genesis, il risultato di una spedizione durata otto anni alla scoperta di montagne, deserti, oceani, animali e popolazioni che, si sono finora sottratti al contatto con la cosiddetta società civile – una terra e una vita incontaminate.
“Il 46% del pianeta è rimasto ancora come era migliaia di anni fa al momento della creazione”, ricorda Salgado, “dobbiamo proteggere e conservare ciò che esiste”. Il progetto Genesis così come l’Instituto Terra di Salgado si propongono di far conoscere la bellezza del nostro pianeta, porre rimedio ai danni causati dall’uomo e preservarlo per le generazioni future.
In 32 spedizioni – a piedi, in aereo leggero, in barca e persino con il pallone aerostatico attraverso temperature estreme e in situazioni talvolta molto pericolose – Salgado è riuscito a catturare immagini della natura, di animali e di popolazioni indigene di una bellezza talmente intensa e sconvolgente da lasciare senza fiato.
Salgado padroneggia il bianco e nero come forse solo Ansel Adams sapeva fare, portando la monocromia a una nuova dimensione: le variazioni tonali, il contrasto di luce e ombra richiamano alla memoria le opere di grandi maestri come Rembrandt o Georges de la Tour.
Una dichiarazione d’amore per la Terra.
A differenza della Collector's Edition, che è strutturata come un portfolio di grande formato che spazia attraverso tutto il pianeta, la trade edition presenta una diversa selezione di fotografie distribuite in cinque capitoli in base a un criterio geografico: Sud del Pianeta, Santuari, Africa, il grande Nord, Amazzonia e Pantanal. Sebbene siano tratti dallo stesso corpus di opere, i due libri sono radicalmente diversi nel loro approccio. Tuttavia entrambi rendono il loro omaggio all’impareggiabile progetto Genesis di Salgado.

di Terra Nuova

Video

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra