Inceneritori: in fumo non solo i rifiuti

Sono costosi, diseconomici e gravemente impattanti sulla salute e l'ambiente e con gli inceneritori non vanno in fumo solo i rifiuti. Rispondono però alla logica del business, e non dispiacciono per nulla al nuovo ministro dell'ambiente.

30 Gennaio 2012
Inceneritori: in fumo non solo i rifiuti
Non c'è dubbio: a Corrado Clini, ministro dell'ambiente del governo Monti ed ex direttore del medesimo ministero con i governi precedenti, gli inceneritori piacciono molto1. Ne vorrebbe costruire ben di più degli oltre cinquanta che già funzionano in Italia, e che ogni anno emettono in atmosfera tonnellate su tonnellate di fumi contenenti diossine, furani, pcb, ossidi di azoto, di zolfo e di carbonio.

A queste si aggiungono le tonnellate di ceneri tossiche con mercurio, piombo e cadmio, da stoccare in discariche speciali.

Un'inchiesta di approfondimento pubblicata sul mensile Terra Nuova Febbraio 2012 che mette in luce i problemi ambientali legati agli inceneritori, i danni per la salute, i conflitti d'interesse e le lobby che si nascondono dietro. Non manca naturalmente l'approfondimento verso tutti quegli esempi virtuosi da seguire.

La versione completa dell'articolo "Inceneritori: in fumo non solo i rifiuti" è pubblicata nel numero cartaceo della rivista Terra Nuova Febbraio 2012 disponibile anche come eBook.  


La nostra rivista: TERRA NUOVA 


Abbonati a Terra Nuova

Acquista l'ultimo numero della rivista Leggi on line la copia omaggio integrale della nostra rivista


Libri Ambiente e Decrescita:

- Pensare come le montagne
- Manuale di sopravvivenza alla fine del petrolio
- Difendersi dall'elettrosmog
- Biocarburanti fai da te
- L'unico mondo che abbiamo

di C.B.

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra