Fisiologia vocale applicata - metodo Lichtenberg© di Gisela Rohmert

Seminario Residenziale di Vocalità, 26-30 luglio a Pietralunga (PG). Durante il seminario sarà affrontato il tema della relazione tra le forme del tratto vocale, le forme della natura e le realizzazioni artistiche dell'uomo.

19 Giugno 2017

Il lavoro si fonda sul metodo Lichtenberg di Gisela Rohmert elaborato, a partire dagli anni ottanta, in seguito alle ricerche del Dipartimanto di Ergonomia dell'Università di Darsmtadt. Nel considerare la voce cantata si fa riferimento ai parametri del suono (suono fondamentale, vocale, vibrato, brillantezza), quali indicatori di una condizione generale del cantante; un'analisi attenta e la stimolazione dei parametri portano a uno sviluppo del suono e ad una riorganizzazione dell'intero sistema-cantante, per giungere a un nuovo rapporto tra l'emissione vocale e gli organi fonatori.  [ www.lichtenbergerinstitut.de ].  
Durante il seminario sarà affrontato il tema della relazione tra le forme del tratto vocale, le forme della natura e le realizzazioni artistiche dell'uomo.

“Le opere d'arte, al pari di quelle della natura – quando si intenda il linguaggio delle forme e si sappia interpretarlo – escono dal loro silenzio e si trasformano in suono e parola”

Nello Aprile

INSEGNANTI
Entrambi gli insegnanti sono musicisti. Hanno concluso la formazione del metodo Lichtenberg© sotto la direzione di Gisela Rohmert e si dedicano da più di 20 anni ad approfondire tematiche di ricerca che riguardano l'essere umano, nella sua espressione vocale e nella pratica strumentale, in relazione con il mondo nel quale esso è inserito, seguendo, tra le altre fonti, il pensiero antroposofico di R. Steiner.
Roberta Guidi, diplomata in pianoforte, ha poi dedicato i suoi studi al canto e alla ricerca sul suono; si è diplomata al Conservatorio di Strasburgo in canto contemporaneo e ha approfondito gli studi con Michiko Hirayama a Roma. Ha cantato come solista e in ensemble e cori prestigiosi, in Italia e all'estero. Svolge attività didattica con adulti e bambini. Frequenta il corso di formazione in “Arte della Parola” a Bologna.
Giovanni Petrella, violista, ha studiato con A. Savelli e B. Giuranna. Dal 1994 si dedica allo studio della voce e del canto seguendo il Lichtenberg© di Gisela Rohmert. Ha collaborato con orchestre e gruppi cameristici e suonato in rassegne internazionali, anche come solista di viola d’amore: Festival Cervantino in Messico, Festival Musica di Strasburgo, al Festival di Parigi e  registrato per l’etichetta Rivo Alto e Ricordi. Tiene corsi e seminari sulla pedagogia della voce e sulla pedagogia musicale e strumentale in relazione al suono della voce. È stato assistente di B. Giuranna ai corsi internazionali di perfezionamento musicale di Riva del Garda. Nel 2001 ha tenuto un masterclass di viola alla Hochschule für Musik di Dresda (Germania). Dal 1984 al 2013 è stato docente di viola al Conservatorio di Musica “Benedetto Marcello” di Venezia, attualmente insegna al Conservatorio di Vicenza.

A CHI E' RIVOLTO
Il seminario è rivolto a chi desideri iniziare o approfondire una relazione attiva e di conoscenza della propria voce o del proprio strumento musicale. Sono ammessi cantanti, strumentisti, logopedisti, insegnanti, attori, chi usa la voce per lavoro o per piacere, chi canta per passione.
Non è richiesta alcuna specifica conoscenza musicale.

ORARI E PROGRAMMA
L'inizo del seminario è previsto alle ore 17 di mercoledì 26 luglio e termina alle ore 12 di domenica 30 luglio.
Ogni giorno sono previste circa 6 ore di lavoro (9 – 12 e 15 – 18) suddivise in lezioni individuali e collettive sul tema proposto, lavori sull'articolazione della parola e sul repertorio corale e incontri dedicati ad approfondire l'aspetto di studio e di riflessione.

DOVE
Il seminario si svolge a Pietralunga (PG), nella struttura  dell'agriturismo “la Cerqua”  [www.cerqua.it ]

Per informazioni:

Roberta Guidi

tel 3471115575

guidipetrella@gmail.com

di Sergio Tonon

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra