Influenza suina: la pandemia della paura

Solo in Italia saranno 25 milioni le persone vaccinate, per una spesa di oltre 700 milioni di euro. È davvero giustificato l'impiego così in grande scala di un vaccino ancora poco sperimentato? Cosa si nasconde dietro il grande allarmismo sull'influenza suina?

24 Settembre 2009



Negli ultimi 9 anni tre sono stati gli allarmi sanitari planetari sgonfiatisi nel giro di una manciata di mesi: la Bse, la Sars e l'influenza aviaria, che, complessivamente, sono costate alle casse dello Stato italiano più di 550 milioni di euro1.
Questo è indubbiamente l'anno dell'influenza suina, con pandemia annunciata e centinaia di milioni di dosi di vaccino acquistate da quasi tutti gli Stati del mondo. Il governo ha annunciato che le scuole potranno valutare eventuali chiusure qualora si manifestino tre casi contemporaneamente e addirittura il medico della nazionale italiana di calcio ha annunciato che i nostri campioni del pallone si faranno vaccinare, trasformandoli di fatto in efficacissimi testimonial di una campagna pubblicitaria pro-vaccino che prevede persino spot televisivi.

Anche nel caso dell'influenza suina, come negli altri, l'allarme è scattato in primavera, durante l'estate è stato prodotto il vaccino e dall'autunno parte la vaccinazione (in queste settimane per il personale sanitario e le categorie a rischio, poi a gennaio con i giovani da 2 a 27 anni), che quest'anno verrà offerta, nelle stime del governo, a 25 milioni di italiani con una spesa di oltre 700 milioni di euro.

La vaccinazione non sarà obbligatoria, come ha spiegato il virologo Fabrizio Pregliasco dell'università di Milano, ma «caldamente raccomandata». Il vaccino non sarà disponibile in farmacia, sarà privo di foglio informativo, sarà multi-dose e verrà somministrato solo in presìdi sanitari.

- Come sarà possibile quindi sapere cosa contiene?

- E gli eventi avversi?

- E le controindicazioni?

- Come verranno informati gli operatori sanitari e i medici di base che potranno consigliarlo?...

«Il virus principale è la paura, è vero che i casi sono tanti ma l' impatto è lievissimo: chi contrae la nuova influenza, dopo un paio di giorni con febbre, sta bene» ha affermato l' assessore toscano alla salute Enrico Rossi. E non è l'unico a pensarla così: «C'è' un allarmismo eccessivo: dal punto di vista clinico si tratta di una sindrome influenzale mite» dice l'infettivologo ed immunologo Francesco Le Foche, responsabile del day-hospital di infettivologia presso l'università Sapienza di Roma.

In Spagna lo stesso ministro della sanità, Trinidad Jimenez, ha sbottato: «Forse stiamo esagerando un po», posizione condivisa, nel Paese iberico, dal presidente del consiglio generale dei medici spagnoli, Juan Jos Rodriguez Sendin, che ha affermato: «Siamo di fronte ad una epidemia di paura, che promuove risposte esagerate, si tratta di un'influenza più lieve di quella tradizionale, le dimensioni date a una malattia tanto banale potrebbero essere legate ad interessi economici o politici».

L'allarmismo infatti fa bene al portafogli di molte aziende. Chi produce mascherine fa affari d'oro, alla Deltayo ne sono state ordinate 58 milioni, alla Sperian Protection 100 milioni all'anno con un aumento del 60% in questo periodo4.
La produzione mensile di disinfettanti della Anios è passata da 150 a 500 tonnellate e i numeri che lievitano hanno fatto scrivere al quotidiano francese Le Monde: «La lancinante invocazione del principio di precauzione non nutre soltanto la preoccupazione dell'opinione pubblica; porrà anche la questione della credibilità dei poteri pubblici se l'epidemia non avrà alla fine la gravità temuta», come già accaduto con altri allarmi.....


Sempre nell'articolo:

>> Vaccini poco testati

>> Il virus della paura

>>Immunità assicurata per i produttori di vaccini

>> Un allarme ingiustificato

>> Box1: Consigli pratici per difendersi in modo naturale dalla febbre suina

>> Box2: Una dieta per fortificare il sistema immunitario


La versione completa dell'articolo "Influenza suina: la pandemia della paura" di Beatrice Salvemini Articolo tratto da Terra Nuova - Ottobre 2009 disponibile anche nella versione eBook. 

Le nostre riviste: TERRA NUOVA e SALUTE E'

Acquista ultimo numero

Abbonati alla rivista

Acquista un arretrato

I libri di Terra Nuova Edizioni

Visita lo shop on line

di F.G.