Terra Nuova Luglio-Agosto 2016
Terra Nuova Luglio-Agosto 2016Scopri di più
15 Marzo 2007

La rivoluzione del filo di paglia

L'interviata che Masanobu Fukuoka rilasciò durante la sua visita in Italia alla Fondazione Bhole Baba di Cisternino (Br)....

La rivoluzione del filo di paglia
Che differenza c'è fra la fede religiosa, l'ideologia, il rigore scientifico o quello morale?

Probabilmente nessuna: tutto rientra nella forma che ogni individuo mette nelle sue azioni. Per Masanobu Fukuoka l'agricoltura non è la mano pesante dell'uomo che vuol cavare il massimo dalla terra. Anzi la terra stessa coincide con il cammino dell'uomo. Quello fatto di equilibrio naturale, biologico, in una parola, quello che oggi viene chiamato sviluppo sostenibile.

Lui è un precursore, la sostenibilità l'ha praticata, sperimentata ed è diventata filosofia, modo di vivere. Combatte l'aridità e la desertificazione spargendo semidi essenze che potrebbero adattarsi ad una determinata zona, protetti da una capsula di argilla per difenderli da insetti, roditori e uccelli. Poi lascia fare alla natura.  Quello che germoglierà sarà il meglio per quell'area geografica.

Così sta ricostruendo la vegetazione in aree desertiche in India, nel nord della Grecia, su 10 mila ettari attorno al lago Vegoritis, e anche in una zona sperimentale a Cisternino, in provincia di Brindisi. Il problema della desertificazione è cruciale per la nostra generazione e per le prossime, sotto il profilo dell'alimentazione e dell'assottigliamento delle superfici vivibili. Si profilano apocalittici scenari, complici un pluridecennale supersfruttamento agricolo e i conseguenti cambiamenti climatici.

"Quando ero nel deserto degli Stati Uniti - dice Fukuoka - ho percepito che la pioggia non cade dal cielo ma sorge dal suolo. I deserti non si formano perché non c'è la pioggia, al contrario, la pioggia non cade perché la vegetazione è scomparsa". Ha dedicato cinquant'anni della sua vita all'agricoltura naturale e quindici per combattere la desertificazione. "Anche se tutto ciò può sembrare l'illusione di un contadino che ha tentato invano di tornare alla natura e al fianco di Dio, desidero ugualmente diventare colui che pianta questo seme. Niente mi renderebbe più felice che conoscere altre persone che la pensano allo stesso modo".

E i suoi semi stanno già germogliando. Qua e là vi sono piccole comunità di persone che hanno sposato un altro ritmo di vita, un altro tempo, rifuggendo i bisogni fittizi imposti dalla società. Anche a Cisternino è stata costituita una fondazione, si chiama Bhole Baba, ha messo a disposizione i suoi terreni che gli stessi fondatori coltivano e in questi giorni ospitano Fukuoka presentandolo e facendolo parlare con intere scolaresche.

La trasferta pugliese si è poi conlusa in una giornata all'Istituto agronomico mediterraneo di Valenzano, con la presentazione del direttore Cosimo Lacirignola. Qui l'abbiamo incontrato. Aveva custodito gelosamente un grappolo di semi di riso, una pianta che riesce a produrre fino a 350 chicchi. La mostra con orgoglio e con timore.

E' quello che ha prodotto il suo sistema che lascia fare alla natura e che fa gola alle multinazionali della produzione agricola, in barba alla biodiversità e all'interesse degli agricoltori: "a loro sta a cuore solo la produzione", dice. Ha avuto pressioni per cedere i semi ma non ci pensa nemmeno: "l'ingegneria genetica ne farebbe degli ibridi, li distruggerebbe e decreterebbe la scomparsa degli agricoltori".

Signor Fukuoka, lei vuole curare la terra ferita. Fino ad ora quali risultati ha ottenuto sul campo?

Buoni in Somalia, Etiopia e Tanzania. Si è riusciti a creare anche piccoli orti e, in alcuni casi, dopo sei mesi sono spuntate piante di papaia e banane. Ma esiste un deserto peggiore, fatto di pietre, che si trova in Grecia e in Italia. Qui è ancora più difficile. Abbiamo iniziato l'anno scorso in Grecia una semina su 10 mila ettari, cui hanno partecipato tremila persone venute da tutti i paesi d'Europa.

Secondo lei quanto tempo passa tra l'inizio di un processo di rinverdimento e la nascita di piante superiori?

In media cinque anni, ma dipende anche dalla quantità dei semi che si inseriscono in ogni pallina d'argilla....

Articolo tratto da Terra Nuova

Le nostre riviste: TERRA NUOVA e  SALUTE E'

Acquista ultimo numero

Abbonati alla rivista

Acquista un arretrato

I libri di Terra Nuova Edizioni

Visita lo shop on line

di Ignazio Lippolis
La radionica in agricoltura
Orto e Giardino
05 Aprile 2011
di Mimmo Tringale
Omeopatia in agricoltura
Orto e Giardino
12 Ottobre 2008
di F.G.
L'agricoltura del futuro?
Orto e Giardino
01 Ottobre 2008
di F.G.
Fukuoka ci ha lasciati, con un filo di paglia...
Orto e Giardino
01 Settembre 2008
di Gabriele Bindi
Scambio di semi: ora è legale. Quasi
Orto e Giardino
30 Giugno 2008
Scambio di semi: ora è legale. Quasi
di Federica Seneghini
Il gesto dei vignaioli
Orto e Giardino
06 Maggio 2008
Il gesto dei vignaioli
di Federica Riva
La natura si risveglia
Orto e Giardino
03 Marzo 2008
La natura si risveglia
di Gemma Tavella
I primi raccolti
Orto e Giardino
06 Giugno 2007
I primi raccolti
di Gemma Tavella
terra nuova social
Calendario
in che anno siamo?
  • 1395 persiano
  • 1437 islamico
  • 2016 gregoriano
  • 4711 cinese
  • 5117 induista Kali Yuga
  • 5776 ebraico
  • 2559 buddista
l'almanacco di oggi
Eventi
Macerata- dal 08/06/16 al 31/07/16
Monte Argentario (GR)- dal 11/06/16 al 10/09/16
terra nuova annunci