Una nuova forma di educazione

Leggo con piacere la vostra rivista ormai da due anni e apprezzo molto gli articoli dedicati alle diverse esperienze di educazione dei bambini... La lettera di Daniela.

30 Maggio 2012

Gli spunti sono sempre molto interessanti, anche se a volte in prima battuta sembra difficile poter replicare un modello simile a quello proposto (Summerhill, Montessori, Steiner…), soprattutto se non si ha l’appoggio di una struttura già formata con lo stesso indirizzo.

Vorrei invece segnalarvi l’esistenza di una fervida attività di homeschooler (scuole familiari) a vari livelli di cui si può leggere in molti blog italiani e stranieri. Si tratta di famiglie, spesso mamme, che si fanno carico di sopperire alle lacune della scuola pubblica, sostituendola totalmente, o integrandola con attività «di rinforzo» a casa.

Ho scoperto e provato personalmente che reperire idee e materiale per garantire ai propri figli una preparazione scolastica di buon livello è possibile, semplice e ha una grande forza aggregante per la famiglia, che vive la scuola come esperienza comune. Leggo spesso commenti di persone che arrivano a questa ricerca motivati dal solo bisogno di sopravvivere ai compiti, e scoprono nei figli e in se stessi una nuova voglia di studiare.

Io ho provato, lo sto facendo tutt’ora (le nostre esperienze sono sul blog «La Scuola in Soffitta» scuolainsoffitta. wordpress.com) e scopro ogni giorno di più che il confronto con altre famiglie è sempre portatore di grandi slanci. A tutti coloro che hanno figli in età scolastica, consiglio di cercare questi blog e di partecipare al confronto. Buon lavoro! Daniela

Articolo tratto dalla rubrica "Terra Nuova dei Lettori" pubblicata nel numero di Maggio 2012 del mensile Terra Nuova, disponibile sia nel formato cartaceo che eBook.

La rivista: Terra Nuova
Abbonati
Acquista ultimo numero
Leggi e sfoglia online una copia omaggio integrale di Terra Nuova

Liberi di imparare - Acquistalo in offerta nel nostro shop

 

di Terra Nuova

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra