Prepararsi ad un altro freddo inverno? Riconoscersi in ciò che è

12/11/2013 di Paolo D'Arpini - Rete Bioregionale Italiana

Negli ultimi anni gli inverni sono risultati sempre più freddi. Non è solo una mia impressione dovuta all'età. Tutti ricorderanno le abbondanti nevicate di questi ultimi inverni,  a cominciare dai primi di dicembre sino alla primavera. Eppure, dal punto di vista delle temperature medie durante l'anno, il caldo aumenta, dovuto al così detto "effetto serra".

Prepararsi ad un altro freddo inverno?

Rammento a tal proposito la drammatica denuncia del ministro indiano all'Ambiente Jairam Ramesh, a Cancun, che definì "deludente" l'impegno degli Stati Uniti a ridurre le emissioni, aggiungendo che "nel 2050 saremo tutti morti".

Può sembrare strano ma, a detta di alcuni scienziati, gli inverni rigorosi che si succedono in Europa da 10 anni sono legati in gran parte al riscaldamento climatico. A un primo sguardo, il freddo glaciale che si è abbattuto sull'Europa negli ultimi due inverni sembrerebbe  poco compatibile con l'aumento medio delle temperature previsto da qui alla fine del secolo. Agli scettici in materia alcuni scienziati rispondono che le ondate di freddo corrispondono a un raffreddamento temporaneo in seno al riscaldamento globale, anche se un nuovo studio si spinge ancora più in là, dimostrando che l'aumento del termometro è proprio all'origine di questi inverni nevosi e particolarmente freddi.

Colpevole sarebbe lo scioglimento della calotta glaciale artica. Il riscaldamento, due o tre volte superiore alla media, ha portato alla sua costante riduzione  negli ultimi 30 anni e potrebbe anche portare alla sua totale scomparsa nei mesi estivi, da qui alla fine del secolo.

I raggi del sole, che non vengono più respinti dal ghiaccio, riscaldano un po' di più la superficie terrestre in questa posizione. "Facciamo conto che l'oceano sia a zero gradi" spiega Stefan Rahmstorf, specialista del clima dell'istituto tedesco Potsdam. "E' così tanto più caldo rispetto all'aria in questa zona polare in inverno. C'e' allora un importante flusso caldo che risale verso l'atmosfera, che non si verifica quando è tutto ricoperto di ghiaccio. E' un cambiamento enorme".

Il risultato è un sistema di alte pressioni che spinge l'aria polare, in senso antiorario, verso l'Europa. Queste anomalie potrebbero triplicare la probabilità di avere inverni estremi in Europa e nel nord dell'Asia.

Godiamoci perciò la tregua che il mese di novembre ancora ci offre  ed intanto  contiamo quanti maglioni abbiamo nell'armadio. Infatti il modo migliore per combattere il freddo è quello di vestirsi a  "cipolla".

Buona sorte a tutti!
 

Posta un commento