Come scegliere la farina migliore? Breve vademecum

La farina peggiore è sicuramente la 00, oppure la Manitoba, che si trovano al supermercato: quattro volte su cinque saranno d’importazione, macinate a cilindri, candeggiate, e ricavate da grani moderni che hanno un contenuto elevato di glutine. Si riconoscono facilmente perché sono bianche come la calce. Ecco un agile vademecum per i vostri acquisti e al termine dell'articolo il dossier "Da dove viene la tua farina?" nella versione pdf da scaricare e leggere gratis.

01 Gennaio 2017
Come scegliere la farina migliore? Breve vademecum

Subito dopo viene la farina integrale ricostituita, che viene usata più che altro per i pani a cassetta finti integrali, ma a volte viene venduta anche come mix per prodotti da forno. In genere deriva da agricoltura convenzionale e sostanzialmente è equivalente alla 00, l’unica differenza è che sono state reintrodotte le crusche. All’occhio si presenta come calce bianca con delle scaglie abbastanza distinte. Sono da evitare infine tutti i mix con miglioratori e lieviti inclusi.

Fatte queste debite premesse, passiamo alle 4 regole d’oro per scegliere una farina di qualità.

1. Certificazione biologica

Se proprio dovete acquistare la farina al supermercato, scegliete quella biologica, che quantomeno è stata prodotta rispettando l’ambiente e non contiene residui di pesticidi, in parte responsabili per l’aumento delle intolleranze. Nella grande distribuzione, però, in genere le farine bio provengono da varietà di grano moderne, proprio come le farine convenzionali; sono inoltre coltivate con metodi industriali e macinate con mulini a cilindri, perciò sono di fatto 00 o comunque molto chiare. Al limite si possono utilizzare occasionalmente per «tenere insieme» le farine più veraci e contadine, avendo un alto contenuto di glutine. Acquistare presso i negozi biologici specializzati offre maggiori garanzie di qualità.

2. Bando allo 00, largo alla varietà

Se vogliamo una farina davvero buona, però, ci conviene cercare un prodotto bio che non sia 00: una 0, una 1, una 2 andranno benissimo. Poi possiamo spaziare sulle varietà: grano duro e tenero, ma anche farro, avena, segale, mais, miglio, se possibile in sinergia. Va tenuto conto che il minimo comune denominatore, che tiene insieme farine più «deboli» in glutine e quindi con una minor tenuta dell’impasto, sarà la farina di grano tenero 0. Anche la farina di farro, sempre di tipo 0, può svolgere più che dignitosamente questo ruolo, e in più è estremamente salutare.

3. Un mulino di qualità

Purtroppo in etichetta sono riportate solo poche informazioni, quindi per avere maggiori dettagli sulle farine la cosa migliore è rivolgere al punto vendita, o al vostro fornitore qualche domanda in più. Com’è stato macinato il grano? Se è stato macinato a cilindri, con quanti cilindri? Il germe è stato estratto o è ancora presente? Se si tratta di un mulino industriale con più di 30 cilindri, che estrae il germe, allora la vostra farina zero o integrale non avrà tutti i nutrienti giusti. Se invece è un mulino artigianale e tiene il germe, siamo sulla buona strada. Se poi si tratta di un mulino a pietra ancora meglio. Domanda successiva: viene utilizzata una pietra naturale o agglomerata? Nel secondo
caso poco male, magari consigliate al vostro mugnaio di passare alla pietra naturale. Se è una pietra naturale allora… bingo! Avete una farina extra. Se poi il mulino è a trazione idraulica, la vostra farina extra è pure a impatto zero.

4. La giusta varietà di cereale

L’ultima tappa è quella di interpellare l’agricoltore: da quali varietà di grano proviene la farina? Si tratta di varietà moderne come il Creso, il Bolero, il Pandas, oppure antiche, come il Verna, il Francia, il Solina, il Gentilrosso, il Senatore Cappelli, il Saragolla…? Se trovate un insieme di più varietà antiche bene, se è un grano antico al 100% meglio ancora: avendo un basso contenuto di glutine è più sano, ma dovrete essere particolarmente bravi voi a impastare. Il farro è sempre una scelta buona, ma è ancora più interessante quello monococco o dicocco, coltivato dai nostri antenati in mesopotamia. Se poi il seme viene riprodotto dall’agricoltore anziché esser comperato al consorzio, abbiamo raggiunto il massimo anche in questo ambito.

Riassumendo...

- Evitate a tutti i costi il convenzionale del supermercato.

- La farina migliore è, in ordine d’importanza: biologica, integrale o bigia, macinata a pietra a trazione idraulica, proveniente da grani antichi autoctoni con seme riprodotto dal coltivatore.

Novità in libreria: GRANI ANTICHI

Verna, Gentilrosso, Timilìa, Perciasacchi, Carosella sono solo alcuni dei grani che si coltivavano un tempo in Italia e che oggi tornano alla ribalta per motivi agronomici e nutrizionali. La riscoperta dei frumenti antichi da parte di consumatori e agricoltori è una vera rivoluzione che assicura vantaggi per la salute e la biodiversità delle campagne. Il libro si snoda come una vera e propria guida tra le diverse varietà di grani antichi, di cui tanto si parla ma che in pochi conoscono realmente, con il rischio di confonderli, di non capirne le potenzialità e di lasciare il campo a facili speculazionidi cui tanto si parla ma che in pochi conoscono realmente, con il rischio di confonderli, di non capirne le potenzialità e di lasciare il campo a facili speculazioni.

Conviene tornare a coltivare e consumare i frumenti del passato, e quali sono i più adatti?
Cosa dice la ricerca scientifica su allergie e intolleranze al grano?
Dove si trovano le farine migliori?

Domande che in questo libro trovano una risposta grazie all’incontro con nutrizionisti, genetisti, agronomi, e tanti nuovi agricoltori che in tutta Italia stanno riscoprendo le antiche varietà di frumento.

La seconda parte del libro è dedicata a un avvincente viaggio nelle regioni italiane, a caccia di spighe, pastifici, forni, mulini a pietra e contadini, in una fitta trama di esperienze autentiche per la ricostruzione di una filiera del cibo ecologica e salutare.

Metti Mi Piace alla pagina Facebook Grani antichi: il libro di Terra Nuova per essere sempre aggiornato sugli eventi e le presentazioni in programma e segui il Tour: Grani antichi in giro per l'Italia. 
Alla presenza dell'autore, farete un viaggio nel mondo della salute, della biodiversità e della nuova agricoltura a cominciare dal pane e dalla pasta. Al termine una degustazione di prodotti da farine di grani antichi.

Scopri tutte le presentazioni in programma...

di D. Chanaz

Documenti allegati


Forse ti interessa anche:

Grani antichi Andrea Fanti

16/03/2017 13:37

Tra i grani antichi macinati a pietra va ricordato anche il "Senatore Cappelli"

Se Farina "00" No Grazie, Farina "000"? Fabiana

09/01/2017 17:48

Salve, concordo pienamente che bisogna stare lontano dalla farina 00 ma avete dimenticato che ormai da più di due anni, è in commercio anche la Farina "000" !!!!
Aiutoooo!!!!!

Posta un commento