Gli ulivi e il mito dell’azoto

Uno studio rivela l'inutilità del ricorso alle concimazioni azotate nella coltivazione degli ulivi.

28 Marzo 2019
Gli ulivi e il mito dell’azoto. Agricoltura naturale

Il ricorso alle concimazioni azotate potrebbe arrecare molti svantaggi a chi coltiva gli ulivi.

È il risultato di uno studio che ha valutato l’effetto del livello e della forma di azoto sulla dinamica della crescita delle radici, sulla crescita dei germogli, sullo scambio di gas a livello di foglie e sul contenuto di nutrienti fogliari delle giovani piante.

Nel periodo di studio gli olivi senza trattamenti azotati hanno mostrato una crescita radicale e vegetativa costantemente superiore a quella degli ulivi concimati.

I ricercatori pertanto ritengono che l’applicazione di azoto sui giovani impianti può essere inutile, o addirittura dannosa, se i livelli fogliari di azoto sono normali durante la stagione precedente.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal mensile Terra Nuova Febbraio 2019

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento