Le consociazioni di piante per proteggere il raccolto

Le piante sono un po’ come le persone in fatto di compagnia: anche loro hanno le loro preferenze e le loro idiosincrasie. Alcune piante sono amiche fidate che aiutano l’orto a prosperare e a mantenersi in salute; altre non sono nulla di speciale, ma sanno andare d’accordo con tutti; altre ancora, infine, devono essere assolutamente evitate per gli effetti negativi prodotti. La corretta scelta delle consociazioni aiuta a tenere a bada i parassiti e può persino arricchire il sapore di certi ortaggi.

27 Settembre 2018
Le consociazioni di piante per proteggere il raccolto. Agricoltura biodinamica

Piante ad azione repellente

Le consociazioni sono un ottimo mezzo per tenere a bada i parassiti nell’orto. Alcuni ortaggi, oltre a fornire una prima linea di difesa, sono anche ottimi per il consumo.

• Il tanaceto allontana le cavolaie.

• Il nasturzio impedisce agli afidi lanigeri di attaccare i meli e allontana la mosca bianca dai pomodori.

• Il basilico limoncino allontana la mosca bianca dai pomodori.

• Le erbe aromatiche, come rosmarino, lavanda e menta, proteggono le melanzane e le brassicacee dai ripetuti attacchi dei crisomelidi.

• L’assenzio è in grado di allontanare i crisomelidi, ma non può essere piantato vicino alle brassicacee perché non lo tollerano.

• Le radici della calendula rilasciano nel suolo dei composti in grado di neutralizzate i parassiti tellurici.

Aglio, cipolle, porri ed erba cipollina rilasciano sostanze odorose nel suolo, allontanando i parassiti tellurici.

• Le carote emanano dalle foglie sostanze odorose che tengono lontana la mosca della cipolla e la tignola del porro.

Piante che attirano i predatori

Oltre ad allontanare i parassiti, le piante possono essere impiegate per attrarre i predatori che si nutrono di essi. Le coccinelle banchettano con gli afidi e possono essere attirate nell’orto piantando ortiche, tarassaco e achillea, su cui gli adulti delle coccinelle possano deporre le uova. Possiamo anche disporre dei vasi di tanaceto - che le coccinelle adorano - vicino alle piante più soggette a essere colpite dagli afidi, come le fave.

Per attirare le crisope, gli antocoridi e i sirfidi possiamo coltivare erbe fiorite come finocchio, aneto, prezzemolo, salvia e coriandolo.
Queste piante attirano anche le vespe parassitiche, che si nutrono del loro polline e depongono le uova nel corpo delle larve di cavolaia, impedendo loro di danneggiare le piante.

Lasciar fiorire le piante e raccoglierne i semi è un altro buon modo per attirare quanti più insetti benefici possibile.

______________________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal libro Orto e frutteto biodinamico

Orto e frutteto biodinamico è un manuale pratico che con linguaggio semplice, preciso e con l'aiuto di moltissime illustrazioni prende per mano il lettore e lo guida in quella che è insieme una tecnica e una filosofia applicate all'agricoltura.
I primi due capitoli spiegano i principi dalla biodinamica, con ricette e indicazioni per impiegare nove preparati (cornoletame, cornosilice, achillea, camomilla, ortica, corteccia di quercia, tarassaco, valeriana, equiseto), la pasta per tronchi, il cumulo letame e altro ancora.  
A seguire 70 schede relative alla coltivazione di ortaggi e alberi da frutto comuni nel nostro paese.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO


di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento