Ceneri di erbacce per controllarne la ricrescita

Come preparare le ceneri di erbacce per controllarne la ricrescita senza ricorrere all'utilizzo di erbicidi.

06 Novembre 2018
Ceneri di erbacce per controllarne la ricrescita. Agricoltura biodinamica

I preparati rinforzano le piante al punto tale che sono in grado di affrontare la maggior parte dei parassiti e delle malattie, ma le erbacce possono ancora essere un problema. Le ceneri di erbacce applicate su un’area ne disincentivano la ricrescita e, diversamente dagli erbicidi, le ceneri non lasciano residui nel suolo o nella falda freatica né tantomeno hanno effetti avversi sulla fauna selvatica.

1. Raccogliere i semi delle erbacce che si vogliono incenerire dall’orto oggetto del trattamento. Per avere risultati ottimali, scegliere un giorno di Frutto in Luna ascendente.
Se si ha a che fare con più di un tipo di erbaccia, tenere i loro semi separati.
Non bisogna cadere nella tentazione di mescolarli prima di bruciarli: perché il concentrato di ceneri sia efficace, ogni tipo di erbaccia deve essere incenerito separatamente.

2. Bruciare i semi su un fuoco di legna, idealmente in Luna piena. Usare una lattina con dei buchi nel coperchio per far passare il fumo, ma non la cenere.

3. Lasciar raffreddare le ceneri e conservarle in un barattolo fino all’uso.
L’elemento del Fuoco trasmette una forza negativa che inibisce la crescita delle erbacce, laddove la cenere è stata distribuita.

_________________________________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal libro Orto e frutteto biodinamico

Orto e frutteto biodinamico è un manuale pratico che con un linguaggio semplice e preciso, e con l'aiuto di moltissime illustrazioni, prende per mano il lettore e lo guida all'uso di quella che è insieme una tecnica e una filosofia applicata all'agricoltura.

I primi due capitoli spiegano i principi dalla biodinamica, con ricette e indicazioni per impiegare nove preparati (cornoletame, cornosilice, achillea, camomilla, ortica, corteccia di quercia, tarassaco, valeriana, equiseto), la pasta per tronchi, il cumulo letame e altro ancora. 

A seguire 70 schede relative alla coltivazione di ortaggi e alberi da frutto comuni nel nostro paese.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO


di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento