Centrotavola natalizio fai da te

Ci sono diversi addobbi natalizi che si possono realizzare utilizzando materiali naturali e di recupero. Sarà un modo per vivere fino in fondo le festività, personalizzando l’abitazione ma senza cadere nel consumismo a cui ormai è associato il Natale.

12 Dicembre 2018
Centrotavola natalizio fai da te. Autoproduzione

Occorrente

• un piatto di carta dorato o, meglio ancora, un sottotorta rotondo
• pigne di pino, abete, cedro, cipresso
• ghiande
• semi di marruca (è un cespuglio spinoso che cresce ai bordi delle stradine di campagna)
• 1 tubo di cartone (l’anima della carta-forno o altro rotolo di diametro ridotto)
• colori a tempera (rosso, verde, oro o argento)
• luccichini
• pistola per colla a caldo

 

Procedimento

Tenete sempre da parte i vassoi di cartone delle pasticcerie (di tutte le forme) perché possono tornare utili in un modo o nell’altro. In questo caso sono perfetti i sottotorta rotondi di cartone, meglio se dorati (vi risparmiano la fatica di dipingere il fondo).

Innanzitutto bisogna preparare i materiali che andranno a decorare il centrotavola, quindi dipingere le pigne e/o attaccarci i luccichini spennellandole di colla vinilica. Se avete a disposizione delle ghiande, dipingendo il seme con vernice dorata e lasciando al naturale il cappello otterrete un bell’effetto (il cappello conviene incollarlo al seme, perché altrimenti con il caldo rischia di staccarsi). Anche i semi di marruca risultano molto decorativi se dipinti d’oro o d’argento.

Una volta preparati i materiali, provate a metterli sul vostro sottotorta e poi, trovata la disposizione che più vi piace, incominciate a fissarli con la colla a caldo. Se volete collocare una candela al centro, tagliate una porzione di tubo di cartone di un paio di centimetri e decoratela con della vernice dorata o dei luccichini: avete così realizzato un portacandela da incollare sul centrotavola con la colla a caldo. In alternativa potete optare per più ceri piccini da disporre tra le pigne (in questo caso sarà sufficiente creare dei cerchi di pigne piccole, come quelle del cipresso, e posizionarvi al centro il cero).

_______________________________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal libro Io lo faccio da me

Il libro che avete tra le mani è una vera e propria mini enciclopedia del recupero e del riuso. Prodotti per la pulizia, alimenti, mobilia, regali e giocattoli per i bambini possono essere autoprodotti nel segno del risparmio economico e delle risorse ambientali. L'autrice ha rigorosamente sperimentato tutti i suggerimenti che offre. Così scopriamo che aceto e bicarbonato sono sufficienti per mantenere una casa pulita e sana, non contaminata da prodotti per la pulizia costosi e spesso nocivi per la salute. Entusiasmo e pazienza sono invece gli ingredienti per coltivare ortaggi e frutta, rigorosamente biologici, e anche un piccolo pollaio per uso familiare. Con un po' di creatività la carta viene trasformata in decorazioni e regali originali, e gli indumenti smessi diventano zaini resistenti e marionette per i più piccini.

Non mancano i suggerimenti per lavori più impegnativi: il legname usato viene convertito in una credenza, un appendiabiti o una scarpiera, e anche tinteggiare e piastrellare sembreranno operazioni alla portata di tutti. I bambini sono invece i protagonisti del capitolo finale: insieme a loro cucineremo, disegneremo e inventeremo giocattoli con materiali di recupero.

Una guida pratica che non solo insegna l'arte del fare, ma anche a riscoprire il piacere della cura di sé e dell'ambiente, e del tempo passato a creare insieme ai più piccolini.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO


di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento