Dichiarazione di interdipendenza

Il Manifesto convivialista parla ad una società post-decrescita. Principi ispiratori, personaggi e idee raccontate nell'editoriale del numero di settembre 2014.

27 Agosto 2014
Dichiarazione di interdipendenza

Dichiarazione di interdipendenza

La crisi economica ormai strutturale, lo sgretolamento delle organizzazioni politiche tradizionali, lo svuotamento dell'attuale modello familiare, il riscaldamento globale, la crescita delle disuguaglianze e della disoccupazione, il proliferare delle mafie e della corruzione... sono gli ultimi colpi di coda di un modello di pensiero e di società ormai fallimentare. Proprio per questo diventano preziosi stimoli come quelli offerti dal nutrito gruppo di intellettuali che ha redatto il Manifesto convivialista. Dichiarazione di interdipendenza (pubblicato in Italia da ETS), tra i cui firmatari troviamo Edgar Morin, Serge Lathouce, Elena Pulcini e Francesco Fistetti.

Quattro i pilastri fondanti:

- il principio di comune umanità: esiste una sola umanità, al di là delle differenze di colore della pelle, nazionalità, genere, censo;

- il principio di comune socialità: la più grande ricchezza dell'umanità sono i rapporti sociali;

- il principio di individuazione: permettere a ognuno di sviluppare la "propria singolare individualità in divenire";

- il principio di opposizione controllata: consentire agli esseri umani di differenziarsi, accettando e controllando il conflitto.

Cardine centrale del Manifesto convivialista (www.lesconvivialistes.fr) è la "dichiarazione di interdipendenza" che mette al centro il capitale relazionale al posto del capitale finanziario. Una presa di posizione che avvicina in modo inaspettato la visione convivialista al buddhismo impegnato di Thich Nhat Hanh, fondatore dell'Ordine dell'interessere, il cui fulcro è proprio il riconoscimento della profonda interdipendenza che lega tutti gli esseri viventi.

Il modello proposto dai convivialisti non è una semplice riproposizione della decrescita, ma piuttosto di una società post-crescita, basata su una più equa distribuzione delle risorse attraverso l'adozione di un salario minimo e di una soglia massima per i profitti, l'uso di nuove tecnologie al servizio della "transizione ecologica", la trasformazione delle reti telematiche in beni comuni così come dovrebbe essere per l'acqua. Una sorta di bem vivir a crescita zero, basato su un profondo rispetto per la Natura secondo la logica del dono e della reciprocità, un rispetto da applicare soprattutto nei confronti degli animali, che "non devono più essere considerati come materiale industriale".

Su queste basi, si augurano i convivialisti, "sarà possibile influenzare radicalmente i giochi politici e sviluppare tutta la creatività per inventare altre maniere di vivere, produrre, giocare, amare, pensare o sognare" .

Un augurio che ci sentiamo di condividere e sostenere e che allarghiamo a tutti i nostri lettori.

Editoriale pubblicato sul mensile Terra Nuova Settembre 2014.

-

TERRA NUOVA: il mensile per l'ecologia della mente e la decrescita felice

Ogni mese in abbonamento oltre 100 pagine di notizie, approfondimenti, curiosità ed esperienze. Scopri su www.terranuovalibri.it tutte le offerte di abbonamento alla rivista oppure acquista l'ultimo numero.

Non conosci ancora il mensile?

LEGGI ONLINE LA COPIA OMAGGIO DELLA RIVISTA

Stai cercando il rivenditore della rivista a te più vicino?

Vai su www.negoziobio.info, scorri la pagina, compila la form inserendo la tua provincia ed effettua la ricerca: in Italia sono oltre 1200 i punti vendita dove trovi il mensile Terra Nuova e tutti i libri pubblicati.

-

VUOI DIVENTARE DISTRIBUTORE DI TERRA NUOVA? 

Gestisci un negozio di alimenti bio, un’erboristeria, un ristorante?

Sei un operatore della salute naturale?

Fai parte di un’associazione o svolgi una qualsiasi attività in sintonia con la nostra testata?

Unisciti alle oltre 1.200 realtà che distribuiscono il mensile Terra Nuova e i libri di Terra Nuova Edizioni dedicati all'alimentazione naturale, all'agricoltura naturale, alla genitorialità, all'ecologia pratica...: ti aspettano vantaggiosi sconti e interessanti opportunità per promuovere la tua attività sulla rivista, il sito e il bacino dei lettori di Terra Nuova.

Leggi come fare qui...

di Mimmo Tringale

Posta un commento