Sommario n. 226 - MARZO 2008

INCHIESTA Wi-Fi: i rischi per la salute
ALIMENTAZIONE E SALUTE Vitamina B12: bastano le alghe?
CUCINA NATURALE Piante spontanee in cucina
CASA BIO Materassi in lattice
COSMESI Qual è il vero sapone di Marsiglia?
DECRESCITA Trazione animale: per un'agricoltura senza petrolio
ALTROMONDO Chi influenza l'Unione europea?
SALUTE Autismo: le cause nascoste
INTERVISTA La Medicina Tradizionale Tibetana oggi

12 Febbraio 2008
BIONEWS
Latte e carne clonati bussano alle porte dell'Europa

In Italia scomparse metà delle api

DALLA PARTE DEI CONSUMATORI
Consigli per i non acquisti: Il SUV
Silvia Ricci

PENISOLA ECOLOGICA
Telefono casa
Federica Seneghini


ALIMENTAZIONE

ALIMENTAZIONE E SALUTE
Vitamina B12: bastano le alghe?
Giuliana Lomazzi

CUCINA NATURALE
Piante spontanee in cucina
Carlino Acaulis

Pastiera napoletana vegan
Pasquale Boscarello

ECOLOGIA DEL CORPO E DELLA MENTE


INCHIESTA
Wi-Fi: i rischi per la salute
Federica Seneghini

CASA BIO
Materassi in lattice
Gabriele Bindi

COSMESI
Qual è il vero sapone di Marsiglia?
Elisa Nicoli

NUOVI PARADIGMI
Non c'è ecologia senza cuore
Satish Kumar

RICERCA
Napoli: progetto di educazione alla pace
Adriana Rocco

DECRESCITA
Trazione animale: per un'agricoltura senza petrolio
Luisa Valeria Sapia

GIARDINO NATURALE
Il senso del selvatico
Brigitte Norland

L 'ALMANACCO DI AAM TERRA NUOVA
a cura di Nicholas Bawtree

RARITA' DI STAGIONE
In bocca al Luppolo
IL PICCOLO ERBORISTA
Cura per le unghie
MITOLOGIA DEGLI ALBERI
Il Fico
Silvia Moro
A RIVEDER LE STELLE
Luna e Pleadi
Annagrazia Sola
PREPARAZIONI SELVATICHE
Crema di asparagi selvatici
Silvia Moro
SEMI DA SALVARE
Asparago
Eleonora Serrati
L'ANGOLO CASALINGO
Addio alle macchie, naturalmente
a cura dell'Associazione Uomini Casalinghi

ALTROMONDO

Rifiuti: la verità incenerita
Claudia Benatti

Chi influenza l'Unione europea?
Claudia Benatti



MONDO CICLABILE
Chirurgia etica
di Pla.To

I libri di Aam Terra Nuova

SEGNALIBRO
Dire, fare, viaggiare
Federica Del Guerra

ALTROCINEMA
La bambina e i carri armati
Vanessa Picciarelli

PAGINE VERDI

ALIMENTAZIONE
Cereali da bere
Giuliana Lomazzi

COSMESI

ECOTESSUTI
Usa: cotone bio vs ogm

BIOEDILIZIA
Sconti Ici a chi sceglie il solare

ECOTURISMO
I dilemmi della fotografia

BACHECA

BUONE NOTIZIE
Amalgame fuorilegge in Norvegia, Svezia e Danimarca

Sommario Salute è

LA PIANTA DEL MESE
Echinacea: la radice del serpente
Ferdinando Alaimo

INCHIESTA
Autismo: le cause nascoste
Jessica Pavanello

INTERVISTA
La Medicina Tradizionale Tibetana oggi
Giuseppe Coco

PAGINE VERDI DELLA SALUTE

COMMENTI

La penna ai lettori

SPUNTI DI VISTA
Uno come tanti
Silvia Ricci

Editoriale
Sconnessi di Mimmo Tringale


Vertigini, nausea, dolori muscolari, insonnia. Non sono sintomi dell'influenza, ma
dell'«allergia» al campo elettromagnetico generato dal Wi-Fi, la connessione a internet senza fili. Un fenomeno in espansione in tutto il mondo, vissuto con grande orgoglio, ma accompagnato anche da una grande irresponsabilità per quelli che sono i rischi per la salute, sottolineati nell'inchiesta di Federica Seneghini pubblicata a pag. 8.
Internet senza fili non è certo il primo caso di ubriacatura tecnologica, tutta la storia moderna è costellata dall'accettazione passiva di nuovi prodotti e tecnologie, come se «innovativo» fosse sinonimo di sano e conveniente. Purtroppo non sempre è così. Il fatto è che scienza e ricerca sono sempre più ostaggi dell'industria e del mercato. E il nuovo che ci è permesso di conoscere oggi è solo quello che può produrre profitti, quasi mai rappresenta la soluzione più idonea.
Inquinamento, depauperamento delle risorse naturali, riscaldamento del pianeta
sono ritenuti trascurabili «effetti collaterali » del progresso. Peccato che quasi sempre gli svantaggi superano di gran lunga i vantaggi assicurati dal nuovo ritrovato. Il caso più evidente è quello del petrolio, che nell'ultimo secolo ha soppiantato fonti energetiche e materie prime rinnovabili. Oggi ci si accorge che oltre a inquinare, il petrolio è anche più costoso delle alternative rinnovabili. Un esempio tra tutti viene dallo studio di Chet Kendell della Michigan State University, di cui si parla nell'articolo di Luisa Valeria Sapia a pag. 38: per le aziende agricole fino a circa 65 ettari, la trazione animale, associata a nuove macchine appositamente realizzate, risulta più conveniente del trattore.
Più che da internet, il pianeta ha bisogno di tagliare il filo dall'attuale modello di società e di economia, per ricostruire la connessione con una visione che risponda ai veri bisogni di tutti gli esseri viventi della Terra.

di Admin