Le campagne di Survival International

Survival International sta conducendo tre campagne fondamentali per il futuro dei popoli indigeni, minacciati da razzismo, sviluppo forzato e violenza.

25 Gennaio 2020
Le campagne di Survival International. Popoli nativi

I popoli indigeni sono i migliori conservazionisti e custodi del mondo naturale, e contribuiscono a rendere il mondo un luogo migliore. Ciononostante, sono minacciati da razzismo, furti di terra, sviluppo forzato e violenza genocida. I loro diritti umani sono violati e le loro terre vengono rubate per profitto causando povertà, malattie e morte.

Survival International lotta da cinquant’anni al loro fianco e sta conducendo tre campagne cruciali per il loro futuro. Partecipa anche tu e aiuta a decolonizzare lo sviluppo, la conservazione e l’educazione.

SVILUPPO

#IlProgressoPuòUccidere
I popoli indigeni non sono mai stati distrutti dalla mancanza del cosiddetto «progresso», bensì dal furto della loro terra, immancabilmente giustificato da vecchie ideologie razziste su una loro presunta arretratezza.

Imporre i nostri modelli di «sviluppo» ai popoli indigeni non contribuisce a renderli più felici o più sani. Al contrario, ha conseguenze devastanti: la loro salute e il benessere precipitano, mentre salgono i livelli di depressione, dipendenza e suicidio. I dati sono inequivocabili: l’aspettativa di vita degli Aborigeni Australiani, per esempio, è oggi inferiore di 10-15 anni rispetto agli altri Australiani; in Perù, gli operai che lavorano all’estrazione di gas e petrolio hanno invaso la terra dei Matsigenka diffondendo l’Hiv nelle loro comunità, in Africa; i Kwegu etiopi sono riusciti a mantenersi autosufficienti e prosperi per secoli in un paese noto per le sue carestie. Ma oggi soffrono la fame a causa di dighe e piantagioni agroindustriali.

Garantire che la terra dei popoli indigeni rimanga sotto il loro controllo è fondamentale per il loro futuro. Laddove gli è stata tolta, devono avere tutto il sostegno necessario per riaverne quanta più possibile.

COSA PUOI FARE TU?

Diffondi la campagna e firma la petizione rivolta al Segretario generale delle Nazioni Unite: www.survival.it/ilprogressopuouccidere

CONSERVAZIONE

#DecolonizeCONservation
Survival promuove un nuovo modello di conservazione della natura che rispetti i popoli indigeni e riconosca loro un ruolo di primo piano in quanto migliori custodi del mondo naturale. Senza popoli indigeni non c’è natura, né futuro. Molto prima che il termine «conservazione» venisse coniato, i popoli indigeni avevano già sviluppato misure efficaci per preservare e alimentare la ricchezza dei loro ambienti. Non a caso, la stragrande maggioranza dei 200 luoghi oggi a più alta biodiversità del Pianeta, sono terra indigena.

Con la nascita del movimento conservazionista, i popoli indigeni hanno cominciato a essere sfrattati illegalmente dalle terre ancestrali anche nel nome della difesa della natura. Sono accusati di «bracconaggio» perché cacciano per nutrirsi e, mentre i collezionisti di trofei uccidono grandi animali in cambio di denaro, gli indigeni rischiano arresti, pestaggi, torture e morte. L’industria della conservazione, il turismo e le grandi aziende stanno distruggendo le loro terre e le loro vite.

COSA PUOI FARE TU?

Firma il manifesto e iscriviti alla newsletter: www.survival.it/conservazione

EDUCAZIONE

#StopFactorySchools
Circa due milioni di bambini indigeni nel mondo sono costretti a frequentare le «Factory Schools», scuole residenziali finalizzate all’assimilazione, dove gli strappano l’identità indigena e li indottrinano per conformarli alla società dominante. In queste scuole, i bambini sono tolti alle famiglie e spesso subiscono abusi. Nelle scuole residenziali del solo Stato indiano di Maharashtra, per esempio, tra il 2001 e il 2016 sono morti circa 1500 bambini indigeni, di cui si contano trenta casi di suicidio.

Survival ha in corso una difficile campagna contro queste scuole, dove i bambini indigeni e tribali vengono «riprogrammati». È una politica deliberata e su vasta scala per cancellare l’identità indigena e rubare le loro terre. Alcune di queste scuole sono persino sponsorizzate da compagnie per sfruttare le terre, la forza lavoro e le risorse delle comunità. Dobbiamo mettere fine a queste fabbriche dell’assimilazione.

COSA PUOI FARE TU?

Informati e firma la petizione: www.survival.it/su/scuoleperassimilazione

 

PER SOSTENERE SURVIVAL INTERNATIONAL: www.survival.it/dona

__________________________________________________________________________________________

Brano tratto dall'articolo Al fianco di chi protegge l'Amazzonia

Leggi l'articolo completo su Terra Nuova Gennaio 2020

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DELLA RIVISTA

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento