#NonUnLibroQualunque. La rivoluzione di un piccolo libraio

Un vero libraio non si fa imporre i libri dagli altri. Sa indovinare i gusti dei propri clienti e va alla ricerca delle case editrici indipendenti. La storia di Luca Possenti, il lettore-cliente che è diventato libraio.

10 Dicembre 2019
#NonUnLibroQualunque. La rivoluzione di un piccolo libraio. Librerie

Libreria Pagina 272 si definisce la più piccola grande libreria di Roma. E forse qualche ragione ce l'ha. Nel nome non c'è niente di esoterico, il numero della pagina sta semplicemente a indicare il numero civico. È una libreria indipendente, zeppa di libri, ma senza troppi orpelli, quella dove esiste ancora un libraio che legge e sa consigliare i libri ai clienti, che conosce nei gusti e nelle abitudini di lettura. Se li conosce bene è perché all'inizio era così anche lui, Luca Possenti, l'uomo che da lettore-cliente si è ritrovato a fare il libraio, con un cambio di vita che vale la pena essere raccontato.

Luca, era un cliente dell'ultim'ora, di quelli un po' misteriosi, che capitano in libreria poco prima della chiusura. A quel tempo, dopo gli studi in fisica, collaborava con una grande azienda del settore informatico. Poi è venuta l'ora di dire basta ed è rimasto disoccupato. “I proprietari della libreria mi vedevano passeggiare con il cane alla mattina anziché all'ora di chiusura” racconta.”Il caso ha voluto che stessero cercando un collaboratore. All'inizio pensavo solo di aiutarli nella ricerca. E poi ho pensato che quella persona potevo essere io. Il lavoro mi è piaciuto, ero in fuga dal mondo delle multinazionali, e sono finito a stare in un luogo che era esattamente l'opposto: una piccola libreria di quartiere, punto di riferimento per gli amanti della lettura, con un'identità culturale ben precisa. I proprietari mi hanno assunto e sono rimasto una decina d'anni a lavorare con loro. Quando sono andati in pensione, mi sono ritrovato a gestirla in prima persona”.

Dagli Adelphi a Terra Nuova

Quella di Luca Possenti è una libreria pura, gli spazi sono stretti, il banco è sgombro da tutti quei gadget inutili e costosi. Lui fa un gran lavoro di selezione anche sui libri, come scelta ideologica, ancor prima che per motivi di spazio. “Ho scelto di rimanere fuori dai grossi giri distributivi, da chi nel bene e nel male ti costringe a prendere tante cose, anche quelle che in realtà non vorresti mai avere. Il concetto di libreria-biblioteca non funziona più, non si può fare concorrenza ad Amazon. Se vuoi essere competitivo devi dare qualcosa in più”.

Per Luca si è trattato anche di essere al posto giusto nel momento giusto. “Per fortuna in questo quartiere (via Salaria-Parioli) c'è ancora gente che legge” racconta Luca. “È raro che ti chiedano i libri dei vari youtuber che spopolano sul web. Al contrario qua riesco a vendere, con soddisfazione, i libri di Adelphi o quelli dei piccoli editori (come Terra Nuova!) che portano avanti i temi più impegnati”.

Una libreria di quartiere

Posso scegliere tutti i libri che entrano e anche gli incontri da fare. Cerco case editrici particolari e scrivo due righe di presentazione con un biglietto vicino. La mia non è una libreria di passaggio, è una libreria di quartiere, so cosa si legge qui da noi. Conosco i miei clienti, i bestsellers in classifica hanno già la loro pubblicità. Preferisco leggere solo gli autori e le case editrici che hanno più bisogno di aiuto o che affrontano con impegno temi importanti, così da poterli consigliare”. Insomma, quello di Luca è il mestiere del vecchio libraio, che però sa stare al passo coi tempi. Ecco allora le iniziative pubbliche, come i laboratori per bambini, o i diversi incontri con gli autori, dai più conosciuti ai meno noti. E tra le varie attività spunta anche la collaborazione con un salotto letterario La Linea D'ombra, nato da serate tra amici. Vi sembra roba d'altri tempi? No, è la storia riuscita di un presente e di un futuro ancora possibile.

 

Libreria Pagina 272, Via Salaria 272, Roma, tel 06 855 3516,

pagina272@libero.it – FB Libreria Pagina 272

______________________________________________________________________________________________________________________

Sei una libreria indipendente e vuoi raccontarci la tua storia? ENTRA NEL NOSTRO CIRCUITO! Scrivi a: nonunlibroqualunque@terranuova.it

di Gabriele Bindi


Forse ti interessa anche:

Posta un commento