Novembre: i lavori nell'orto rallentano

Con l'arrivo di novembre rimangono pochi lavori da fare nell'orto. Ma, se non sono ancora arrivate le prime gelate, è un buon momento per piantare gli alberi da frutto.

02 Novembre 2019
Novembre: i lavori nell'orto rallentano. Agricoltura naturale

Il mese di San Martino

Il giorno di San Martino segna tradizionalmente la fine dell’annata agraria e anche nell’orto famigliare i lavori rallentano: resta solo la raccolta di qualche ortaggio invernale. Non è neppure tempo di potare, perché per questa operazione è meglio attendere la fine dell’inverno.

Ma, se il terreno non è ancora gelato, questo è il periodo migliore per piantare alberi da frutta, perché al momento della ripresa vegetativa le piante messe a dimora in questo periodo avranno un migliore sviluppo radicale e forniranno maggiori garanzie di attecchimento.

Cosa coltivare?

La scelta della varietà da coltivare è un momento molto importante. Bisogna tener conto del gusto dei frutti e della rusticità della pianta, in particolare della sua capacità di sopportare gli attacchi parassitari e di adattarsi alle caratteristiche pedoclimatiche del luogo di coltivazione.
Molte vecchie varietà, soprattutto quelle tipiche della zona di riferimento, presentano queste caratteristiche, ma per il melo e l’uva da tavola sono consigliabili anche le varietà che resistono alle principali malattie crittogamiche, cioè rispettivamente alla ticchiolatura e alla peronospora.
Prima di prendere una decisione è quindi opportuno sfogliare i cataloghi dei vivaisti per conoscere bene le caratteristiche delle piante che si intende mettere a dimora e che produrranno frutti per i prossimi decenni, almeno così si spera. In novembre, di solito, sono ancora disponibili tutte le varietà presenti nei cataloghi e questo è un altro vantaggio da non sottovalutare.

Non si deve dimenticare, poi, che alcune specie (ad esempio melo, susino, ciliegio) e varietà non sono in grado di autofecondarsi e richiedono la presenza di un’altra varietà della stessa specie che agisca da impollinatrice.

Le piante da preferire

Anche se sembrano più deboli e indifese è meglio scegliere piante giovani (da uno a tre anni di età), perché hanno maggiori capacità d’adattamento e sopportano meglio il trapianto. Le piante più vecchie sono più soggette a subire stress che possono determinare deperimenti e un certo ritardo nella messa a frutto.

Da preferire poi le piante a radice nuda rispetto a quelle in vaso, perché è possibile verificarne l’integrità controllando che siano prive di lacerazioni, ramificate, abbondanti, con poche radici principali grosse e molte secondarie più sottili. Le piante a radice nuda offrono anche il vantaggio di essere più economiche, ma devono essere messe a dimora subito dopo l’acquisto.

Mettere a dimora

Per il trapianto si deve scegliere una giornata senza vento; con la vanga si scava una buca profonda 60-70 cm e larga 50-70 cm separando la terra che si trova negli strati superficiali da quella che si trova in profondità affinché, al momento del riempimento della buca, possa essere ricollocata com’era prima dello scavo. Sul fondo della buca si aggiunge letame o compost ben maturi o, ancora meglio, vermicompost, coprendoli poi con un po’ di terra per evitare il contatto diretto con le radici. Poi si posiziona la pianta avendo cura di lasciare il colletto, cioè la zona di passaggio dal tronco alle radici, almeno 10-15 cm sopra il livello del terreno, in modo che rimanga sopra al suolo anche dopo l’assestamento della pianta. Si procede quindi a riempire la buca comprimendo la terra intorno alla pianta per far aderire bene le radici al terreno e per assicurare un buon ancoraggio. Un palo tutore aiuta a mantenere la posizione verticale della pianta. Si può invece attendere la primavera per collocare vicino al tronco i dischi di pacciamatura, in fibra di cocco o in lana, che riducono la competizione delle erbe spontanee con la giovane fruttifera.

____________________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal mensile Terra Nuova Novembre 2019

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

POTREBBE INTERESSARTI

CURARE GLI ALBERI DA FRUTTO SENZA CHIMICA

A differenza degli ortaggi, gli alberi da frutto richiedono maggiore cura e attenzione, soprattutto quando si sceglie di non usare concimi e pesticidi di sintesi, pericolosi per la salute e l’integrità degli ecosistemi.

L’intento di questo volume è quello di offrire al frutticoltore hobbista, come a quello professionista, una guida puntuale e approfondita per riconoscere, prevenire e contrastare le malattie e gli attacchi parassitari che più frequentemente colpiscono gli alberi da frutto, ricorrendo ai rimedi e alle strategie di difesa utilizzati in agricoltura biologica.

Il ricco corredo fotografico assicura, anche ai meno esperti, il rapido riconoscimento dei sintomi e dei patogeni, mentre le schede di approfondimento illustrano in dettaglio le modalità di impiego e i meccanismi d’azione dei prodotti e dei metodi di difesa.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

di Francesco Beldì


Forse ti interessa anche:

Posta un commento