Sostituti della carne: qual è il target?

Tra i sostituti della carne, a godere di maggior successo è senza dubbio il burger 100% vegetale. Ma per quale tipo di consumatore sono pensati questi prodotti? L'analisi di Renata Balducci, presidente di AssoVegan (Associazione Vegani Italiani Onlus).

15 Febbraio 2019
Sostituti della carne: qual è il target? Alimentazione naturale

Il tema dei sostituti della carne è molto dibattuto. Superstar indiscussa di questo settore è il burger 100% vegetale. Escludendo le preparazioni fatte in casa a base di legumi, che rappresentano sicuramente l’opzione più salutare, dal punto di vista della produzione ciò a cui assistiamo è il consolidamento di tecnologie alimentari che assumono un ruolo sempre più importante nella creazione di burger e polpette in grado di imitare alla perfezione le proteine animali in termini di sapore, texture e consistenza. Prodotti «hi tech» per dare la sensazione di mangiare carne senza mangiarla.

Secondo i numeri resi noti dal rapporto Osservatorio Veganok 2018, nel 2020 ammonterà a 5,2 miliardi di euro il valore del mercato globale di sostitutivi della carne. Qui si stanno affermando il «Beyond Meat Burger» e «The Impossible Burger», l’hamburger vegetale che «sanguina».

Il Beyond Meat Burger è arrivato sul mercato dopo uno studio attento delle componenti della carne attraverso ricerche e risonanze magnetiche. Il team di ricerca ha scoperto che tutte le componenti (acqua, grassi, amminoacidi) sono reperibili nel mondo vegetale.
Ora è il burger più venduto nei supermercati Whole Foods negli Usa, rivenditore di alimenti naturali e di prodotti biologici, ed è arrivato anche in Italia attraverso la catena Welldone.

L’Impossible Burger, invece, utilizza un ingrediente speciale per ricreare la texture «carnosa» classica: nella leghemoglobina di soia, c’è l’eme, una molecola contenente ferro che si trova naturalmente nelle piante: questo burger dà la sensazione di sanguinamento quando viene addentato.

Chi è il target di questi prodotti?

Contrariamente a quanto si possa pensare, questi prodotti non si rivolgono ai vegani: non in via principale, quantomeno. Rappresentano invece una valida proposta per chi ancora non lo è, proponendo un’esperienza di consumo «alternativa»: accorciano le distanze tra consumo onnivoro e alimentazione plant-based.

Il target ideale di questi burger è il «flexitarian», un consumatore che pur mangiando carne e derivati, è sensibile al tema dell’alimentazione vegan e sta facendo spazio a più prodotti vegani come parte di una dieta «flessibile», aprendo opportunità per l’innovazione di cibi e bevande vegetali.

A riprova di ciò, basta considerare il canale di distribuzione scelto dalla Beyond Meat per il suo burger: nessun vegano probabilmente si recherebbe presso una hamburgeria (caso Welldone) dove si serve prevalentemente carne, a mangiare un burger vegetale. Sono prodotti importanti per diffondere i principi di un’evoluzione alimentare, ma rappresentano una transizione, non un punto di arrivo.

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________

Articolo tratto dal mensile Terra Nuova Febbraio 2019

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DELLA RIVISTA


NON PERDERTI NESSUN NUMERO DELLA RIVISTA... SCOPRI COME ABBONARTI

di Renata Balducci


Forse ti interessa anche:

Posta un commento