Habitat (Firenze)

"Improvvisamente ho assistito al miracolo di una societa' nascente, a misura d'uomo, dove ognuno sembra poter gestire il proprio destino e la serenita' permanente non e' un'utopia, ma un bene reale e comune." Silvano Agosti

- Gambassi Terme FI
+39 338 2081548
www.ecovillaggiohabitat.it
ecovillaggiohabitat@gmail.com

L’ECOVILLAGGIO
L’ecovillaggio è nato dall’idea di due persone che hanno acquistato il terreno e fondato l’associazione di promozione sociale denominata “Habitat Ecovillaggio”, questa è in continua espansione. Il luogo si trovata nel Comune di Gambassi Terme, è un terreno agricolo che consta 13 ettari interamente recintati di cui: 8 ettari di bosco, 2,5 ettari di uliveto e 2,5 ettari di seminativo con due strutture in legno tra cui una sala didattica di 100 mq per la teoria e per la pratica.
Il progetto nasce come un villaggio di tende nomadi (yurt) con un limite massimo di 6 nuclei familiari e pone le sue basi sui principi di permacultura. Secondo la carta etica che stabilisce i principi base dell’ecovillaggio i punti fondamentali sono l’associazionismo, l’agricoltura, l’allevamento e l’autosostentamento alimentare, energetico ed economico.
L’ASSOCIAZIONE
L’associazione è nata nel 2010 con lo scopo di tutelare e valorizzare il patrimonio di razze e varietà locali di interesse agrario, zootecnico e forestale e la promulgazione di esse e dell’ecosostenibilità.
Le funzioni dell’associazione si dividono in due settori ben distinti, il primo destinato ai cittadini, mentre il secondo alla ricerca e conservazione.
LE AZIONI RIVOLTE AI CITTADINI si orienteranno in:
a. Fattoria didattica che preveda il giusto equilibrio fra educazione, lavoro e divertimento.
b. Possibilità per scolaresche, gruppi di turisti, enti pubblici o privati o chiunque lo desideri, di svolgere incontri o lezioni informative sull’educazione all’ambiente.
c. Visite guidate nel parco, per educare al rispetto della natura ed imparare a conoscere le piante e gli animali autoctoni della Toscana.
d. Corsi di autoproduzione (cosmetici, bioedilizia, apicoltura, agricoltura sperimentale ecc..).
e. Possibilità di acquistare prodotti rigorosamente biologici (frutta e verdura) a prezzi di produzione.
f. Possibilità di testare ed acquistare prodotti di origine assolutamente naturale ed artigianale (es. formaggi, saponi, marmellate, birre, ecc.).
g. Corsi volti ad insegnare a migliorare il proprio stile di vita in rapporto
all’alimentazione, alla natura che ci circonda, ed ai rapporti interpersonali e nei confronti di
animali domestici e non.
h. Pet terapy
i. Progetti di integrazione sociale riguardanti l’area penale e ex tossico dipendenza.
L’attività didattica ha come obiettivo l’esplorazione dell’ambiente. L’idea è di far scoprire a grandi e piccoli la realtà che li circonda, attivando la loro attenzione nei confronti dei vari stimoli che la natura offre.
LE RICERCHE si orienteranno nel campo:
a. Custodia del patrimonio genetico attraverso la catalogazione e conservazione di sementi.
b. Ricerca sperimentale sulla produzione di ortaggi e frutti mediante i diversi
sistemi di coltivazione (Permacultura).
c. Ricerca della qualità e dei sapori antichi o dimenticati.
d. Studi su spezie e cosiddette “erbacce” al fine poter riscoprire il loro antichi utilizzi nel
campo alimentare ed officinale o terapeutico.
e. Allevamento in purezza e non intensivo di animali autoctoni toscani con particolare
preferenza alle razze con elevato rischio di estinzione (es. asino Amiatino, pecora
dell’Amiata,mucca nana di Pontremoli, ecc.).
f. recupero, cura e reintroduzione in natura di animali selvatici feriti o preda di bracconaggio e abigeato.

SCHEDA di SINTESI

Numero di componenti
Attualmente 4
I passi del progetto
Abbiamo iniziato in due acquistando personalmente un terreno e fondando un'associazione culturale abbiamo iniziato a costruire. Attualmente abbiamo una struttura per la didattica di 100 mq ed un'altra di 50 mq, con la possibilità di costruire ancora altri 150 mq. Ad oggi il nostro progetto è praticamente pronto, dopodichè inizieremo ad autocostruirci le tende dove abiteremo in pianta stabile (Yurta, Tepee ecc..).
Accettate nuovi membri
Si, il progetto ne prevede almeno dieci.
Accettate visite di esterni
si, gratis se in possesso della tessera wwoof, o in cambio di almeno 5 ore al giorno di lavoro per 5 giorni a settimana… con un minimo contributo spese in caso di ospiti non lavoranti (15 euro al giorno o 100 a settimana) Accettiamo anche curiosi o eco vacanzieri, ma in questo caso richiediamo di essere iscritti almeno ad un corso da noi proposto anche di un solo giorno, alle altre associazioni culturali diamo la possibilità di usufruire dello spazio gratuitamente, con la sola richiesta della nostra tessera associativa (5 euro l'anno).
Modalità:
Per tutti, possiamo ospitare SOLAMENTE in tenda per il momento!
Ispirazione
Aprofetica e apolitica
Tipo di economia
autosostentamento
Reti a cui aderiamo
Wwoof, Help Exchange, GEN
Riconoscimento legale
Associazione culturale
modalità d'accesso all'ecovillaggio
Visite su preavviso, anche minimo ma in anticipo; per gli aspiranti partecipanti al progetto il tempo minimo di prova è di 1 anno.
Tipologia economica
Privata e comune
Formazione e accordi di base
artigianato, attività agricole, didattica per famiglie e per scolaresche, ecoturismo, in futuro trekking someggiato (su asino), orto sinergico autoctono toscano, piante officinali (specializzati in lavandula officinalis angustifolie)

Aggiornato al 03.10.12