Partita la Campagna "Stop Pesticidi": «L'agroecologia è la strada»

Si è ufficialmente aperta la Campagna "Stop Pesticidi" promossa da Genuino Clandestino, Mondeggi Bene Comune, il nodo fiorentino dei Fridays For Future e i comitati toscani che chiedono la tutela dell'ambiente. «Costruiamo insieme il cammino verso l'agroecologia».

08 Dicembre 2019

La Campagna "Stop Pesticidi" nasce dall’iniziativa del nodo fiorentino di Genuino Clandestino (Comunità di resistenza contadina Jerome Laronze), assieme al Comitato di Mondeggi Bene Comune Fattoria senza Padroni e il coinvolgimento delle studentesse e gli studenti di FFF Firenze e dei comitati di lotta territoriale (assemblea della Piana contro le nocività, comitato No Inceneritore) e speriamo possa arrivare a coinvolgere sempre più realtà.«Se ci guardiamo attorno oggi e ci soffermiamo ad ascoltare ed osservare il mondo che ci circonda, non è difficile rendersi conto del grave stato di disarmonia e fragilità in cui versano gli ecosistemi naturali, dalla piccola alla grande scala - spiegano i promotori - Ci ritroviamo a vivere in ambienti sempre più antropizzati, inquinati, depredati e destabilizzati, con effetti sempre più pervasivi sulle nostre vite e sul corretto funzionamento dei meccanismi naturali che fino ad ora hanno garantito la sopravvivenza e la riproduzione di tutte le specie sul nostro pianeta, compresa la nostra. Questo scenario non è causato dalle attività umane in genere, ma da un sistema politico, economico e sociale ben preciso, che nell’ultimo secolo ha portato avanti un modello basato sui profitti, sullo sfruttamento indiscriminato della natura e di ogni forma di vita».

«Basta con la mercificazione a ogni costo»

«Analizzare la stato di salute del pianeta, confrontarsi con il cambiamento climatico e la crisi ecologica, significa necessariamente confrontarsi con il sistema economico dominante, capitalista e neoliberista, che si è tradotto in una profonda mercificazione di tutto l’esistente - proseguono i promotori della Campagna - Le risorse naturali, le comunità umane, la terra, sono state messe interamente al servizio del denaro, diventando beni di scambio. Questo approccio ci ha portati/e dove siamo ora: sull’orlo della catastrofe ecologica e climatica, che ha portato la comunità scientifica internazionale a parlare di sesta estinzione di massa in riferimento ai ritmi e alla portata dell’estinzione delle specie viventi sul pianeta (sia nel mondo vegetale che animale)».

Sono numerosi i settori economici e produttivi che giocano un ruolo centrale nel cambiamento climatico; tra questi, spicca il settore della produzione alimentare, in particolare quello dell’agroinduatria globalizzata. Il settore agro-industriale è infatti considerato responsabile per un terzo delle emissioni che contribuiscono al cambiamento climatico, oltre a essere una delle prime cause di inquinamento dei terreni, delle acque e dell’aria, per via dell’utilizzo di sostanze chimiche nocive quali pesticidi e fertilizzanti chimici.

«Queste sostanze sono state introdotte in agricoltura a partire dalla seconda guerra mondiale, come frutto delle scoperte legate all’apparato bellico, con un processo di riconversione economica senza precedenti - proseguono i promotori - Molte delle sostanze ora utilizzate in agricoltura vengono dalla riconversione agricola di sostanze sperimentate nei laboratori della Germania Nazista (e non solo). È con la cosiddetta Rivoluzione Verde che con fondi statunitensi (in particolare la Rockefeller e la Ford Foundation) i pesticidi ed i fertilizzanti chimici iniziano ad essere utilizzati, dapprima in SudAmerica, partendo dal Messico, e poi in India, Vietnam, Thailandia, Pakistan, fino ad arrivare alla loro indiscussa diffusione in tutto il mondo, come ‘magica’ medicina per l’agricoltura globale. La Rivoluzione Verde non ha solo portato all’introduzione di sostanze chimiche nocive per la prevenzione delle malattie e delle infestazioni, ma ha anche contribuito all’affermazione di un modello agricolo che ha distrutto l’agricoltura tradizionale e contadina per dare spazio alle monocolture, alla produzione su larga scala, alla riduzione della biodiversità e all’omologazione dei sistemi agricoli».

«I pesticidi stanno distruggendo i campi»

«I pesticidi, I fertilizzanti chimici, i fitofarmaci, i semi selezionati per resistere alle sostanze tossiche che vengono applicate sui campi, stanno distruggendo i nostri ecosistemi locali. Inoltre questi componenti chimici si diffondono nell’ambiente (per il cosiddetto effetto deriva), inquinando le falde acquifere e comportando l’impoverimento e la contaminazione dei suoli. Dai campi, queste sostanze entrano poi nella nostra catena alimentare, attraverso i prodotti che consumiamo. La devastazione ambientale, il cambiamento climatico, l’aumento delle malattie croniche legate all’esposizione alle sostanze tossiche utilizzate in agricoltura, richiedono di iniziare ad organizzarci, informarci e mobilitarci per pretendere una gestione diversa dei nostri territori e delle nostre campagne! Non si può continuare a produrre il cibo in questo modo. Le alternative a questo modello agricolo e produttivo esistono e vanno costruite ripristinando i saperi contadini, il rapporto con la terra e promuovendo un’agricoltura sempre più locale e attenta alle relazioni tra ogni elemento naturale».

I promotori dell'iniziativa hanno dichiarato che vogliono «porre alcune basi teoriche e strumenti per provare a costruire insieme un cammino verso l’agroecologia sul nostro territorio, costruendo nuove relazioni tra le comunità e le realtà di lotta locali e lanciando una campagna condivisa di sensibilizzazione e mobilitazione contro i pesticidi».

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Stop Pesticidi Sandro

08/12/2019 23:13

Stop Pesticidi.! Ci stanno avvelenando. Hanno avvelenato la falda, l'aria. Tutto a norma di legge. UNA vera vergogna.

Posta un commento