Il glifosato anche nel miele: una minaccia concreta!

E' quasi impossibile sfuggire alla contaminazione del potente erbicida brevettato da Monsanto. Si ritrova dappertutto, dal latte materno, al pane quotidiano al miele delle api...

17 Febbraio 2015

Il glifosato, l’erbicida brevettato dalla Monsanto, e spacciato ormai in ogni negozio di agraria sotto diversi nomi continua a impensierire. Lo abbiamo già scritto altre volte, dimostrando la sua capacità di penetrazione. Si trova nella verdura e si trova anche nel pane. Anche perché viene usato ormai ovunque, anche nelle aiuole per cercare di estirpare le erbacce. Ma adesso dagli Stati Uniti arriva uno studio che ci informa su una nuova frontiera valicata dall’agricoltura chimica e industriale: il miele!
Ricercatori della Boston University e Abraxis LLC hanno trovato tracce significative di glifosato nel miele. Addirittura il 62% dei mieli convenzionali risultano contaminato, ma udite udite anche il 45% dei mieli biologici sottoposti alla prova, per una presenza che possiamo considerare accidentale, ma che comunque getta forte discredito sulla convivenza delle colture ogm con quelle biologiche.
La spiegazione di questa pervasività in realtà è piuttosto semplice: un’ape può volare ogni giorno e per più volte fino a sei miglia di distanza per cercare il nettare e riportarlo indietro. Risulta davvero difficile per le api, come per tanti altri impollinatori, sfuggire a queste sostanze nei terreni urbanizzati e nei paesaggi agricoli.

L’uso degli erbicidi, riconducibili soprattutto al principio attivo noto come glifosato, prodotto di cui la Monsanto ha detenuto il brevetto esclusivo fino al 2001, e oggi commercializzato sotto diversi nomi da diverse case produttrici, viene largamente utilizzato come un prodotto innocuo. Ma c'è anche un paradosso da svelare: il glifosato purtroppo, seppur ritenuto dannoso per il sistema endocrino e riproduttivo umano, non capiamo bene come, in Italia non viene neppure cercato dalle autorità preposte al controllo. Come conferma  l’ultimo rapporto dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) la sua presenza nelle acque è ampiamente confermata anche da dati internazionali, ma il suo monitoraggio, in Italia, è tuttora effettuato solo in Lombardia, dove la sostanza è presente nel 31,8% dei rilevamenti nelle acque superficiali. La verità è che il glifosato si ritrova ormai dappertutto, anche nel latte materno. Bisogna ridurre al più presto l'uso sconsiderato di questo erbicida: una tesi sempre più condivisa anche nel mondo della ricerca scientifica.

Fonte: Natural News

di Dario Scacciavento

Ettore

08/12/2015 21:51

Salve noi da anni facciamo il biologico io personalmente ho deciso di non utilizzare questi prodotti dopo aver fatto il corso sui fitofarmaci , vi diro' il glifosato per il suo costo ridotto e perché promosso nelle semine su sodo si risparmia il carburante per le lavorazioni dei terreni viene promosso addirittura come un prodotto pari al biologico in quanto essendo un sistemico distrugge le malerbe e contribuisce al rispetto dell'ambiente per il risparmio di carburante nelle lavorazioni.

Posta un commento