Pasqua, telecamere nascoste nei macelli di agnelli

Un'altra iniziativa destinata ad avere grande eco quella dell'associazione Essere Animali, che ha installato telecamere nascoste in due macelli di agnelli, diffondendo poi immagini choccanti. Il consumo di carne di agnello ha sempre caratterizzato il periodo della Pasqua.

29 Marzo 2018

«Con la Pasqua ogni anno torna anche la strage di agnelli, consumati sulle tavole italiane per tradizione - spiegano da Essere Animali -Abbiamo documentato ancora una volta come arrivano quegli agnelli sulle tavole degli italiani, per rendere visibile una realtà scomoda e altrimenti nascosta. Le nostre telecamere nascoste sono infatti riuscite a riprendere l’interno di due macelli del centro Italia, proprio due settimane fa. Gli agnelli che si vedono nel video, scaricati brutalmente dai camion, storditi e uccisi, in questi giorni sono probabilmente esposti in un qualche supermercato italiano».

«Il video oltre a mostrare inevitabili scene di sofferenza degli animali, porta alla luce ancora una volta irregolarità diffuse. In questo caso gli operatori stordiscono e poi uccidono gli animali in gruppo, uno di fronte all’altro. I piccoli vedono i propri fratelli cadere a terra e contorcersi. Questo è assolutamente vietato. Non è la prima volta che in un macello riscontriamo tale pratica irregolare, l’avevamo già mostrata con una simile indagine, diffusa anche dal Tg1 lo scorso anno. Il video è molto forte e comprendiamo chi non vorrà guardarlo. Ma queste immagini meritano ampia diffusione e ci sono tante persone che invece dovrebbero vederle».

«Ma le cose stanno cambiando - dice l'associazione - Merito sicuramente dell’informazione costante il numero di agnelli uccisi per la Pasqua è in notevole diminuzione e negli ultimi quindici anni si è praticamente dimezzato, passando da 730.000 a meno di 380.000 animali».

 QUI per sostenere Essere Animali

di Terra Nuova

Posta un commento