Inquinamento: 9 milioni di morti premature

La Commissione Lancet sull'inquinamento e la salute ha pubblicato il suo rapporto periodico, rielaborando i dati del Global Burden of Disease Study: l’inquinamento nel 2015 ha causato 9 milioni di morti prenature.

20 Ottobre 2017

L’inquinamento nel 2015 ha ucciso tre volte più dell’Aids, della tubercolosi e della malaria messe insieme e 15 volte in più di tutte le guerre e altre forme di violenza (il 16% delle morti nel mondo). Sono i dati OMS rielaborati e pubblicati dalla Commissione Lancet sull'inquinamento e la salute .

“Sappiamo – scrivono Maria Neira, Michaela Pfeiffer, Diarmid Campbell-Lendrum, Annette Prüss-Ustün del Dipartimento di sanità pubblica, determinanti ambientali e sociali della salute dell’Oms - che almeno 12,6 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di cause ambientali evitabili; le popolazioni più vulnerabili sono nei paesi a basso reddito e medio reddito (LMIC), maggiormente colpiti. Si tratta di una perdita inaccettabile di vite e di potenziale di sviluppo umano”.

Oggi sappiamo che le politiche energetiche che facilitano o riducono l'accesso domestico a combustibili puliti per la cottura, il riscaldamento e l'illuminazione nei LMIC, consentiranno di evitare le 3,5 milioni di morti all'anno derivanti dall'esposizione all'inquinamento atmosferico delle famiglie. Conosciamo anche molti dei benefici per la salute, l'ambiente e l'economia che potrebbero esserci con un approccio più integrato alla politica e alla pianificazione dello sviluppo.

Quasi il 90% della popolazione che vive in città in tutto il mondo respira aria che non rispetta i limiti di qualità dell'Oms. Dal momento che la maggior parte della crescita della popolazione futura avrà luogo nelle città, l'espansione urbana deve essere progettata e progettata in modi che rendano le città un centro di salute e benessere. Le politiche settoriali specifiche come l'energia, la pianificazione urbana, i trasporti e le infrastrutture dovrebbero essere progettate e implementate con obiettivi chiari e tangibili per la salute e l'ambiente.

Come ha spiegato la Commissione Lancet , i fattori di rischio ambientali stanno cambiando in natura, origine e influenza. Alcuni paesi si trovano ad affrontare una serie di sfide irrisolte e nuove in materia di ambiente e salute, in cui, ad esempio, le popolazioni più povere non hanno accesso ad acqua pulita, energia domestica pulita e prestazioni sanitarie e altre popolazioni sono sempre più esposte a sostanze chimiche, inquinamento atmosferico e nuovi e più complessi pericoli professionali. I conflitti e le catastrofi naturali stanno aggiungendo una ulteriore complessità a queste sfide per la  governance.

“In poche parole – commentano i responsabili Oms -  le modalità di gestione delle minacce ambientali non sono più adattate al contesto di sviluppo. Abbiamo bisogno di un approccio diverso e di ulteriori strategie di controllo dell'inquinamento per fissare e regolare le soglie di emissione ambientali e per favorire un maggior utilizzo delle migliori tecniche disponibili e delle migliori pratiche ambientali. Ma l'inquinamento non è il principale fattore di malattia. Dobbiamo andare oltre un approccio "do-no-harm" e garantire uno sviluppo migliore in modo attivo ed esplicito delle condizioni ambientali e sociali che danno origine alle popolazioni ea esporre la malattia”.

 Scarica il documento integrale dell'Oms dal pdf allegato

di Terra Nuova

Documenti allegati

Posta un commento