5G: mobilitazioni in tutta Italia il 15 e 21 giugno

Tra giugno e luglio è prevista in Italia l'introduzione massiccia della tecnologia 5G con milioni di nuove antenne un po' ovunque; questo dopo la sperimentazione che era partita in diverse città nei mesi scorsi. Esperti, scienziati e associazioni organizzano mobilitazioni in tutta Italia il 15 e 21 giugno per chiedere la moratoria in nome della salute pubblica.

06 Giugno 2019

Tra giugno e luglio è prevista in Italia l'introduzione massiccia della tecnologia 5G con milioni di nuove antenne un po' ovunque; questo dopo la sperimentazione che era partita in diverse città nei mesi scorsi.

Si prevede dunque l'avvio ufficiale e l’installazione di una nuova infrastruttura tecnologica quantificabile, parrebbe, in milioni di nuove antenne (da sommarsi alle decine di migliaia di Stazioni Radio Base già esistenti) per arrivare a coprire il 98% del territorio nazionale servendo il 99% della popolazione italiana. Ciò significherà, come hanno messo in guardia ricercatori ed esperto, un’irradiazione massiccia, permanente, multipla e cumulativa di radiofrequenze e in Italia, in maniera ubiquitaria.

Ogni rete civica territoriale, ogni comitato, gruppo e/o associazione, qualsiasi cittadino consapevole dei pericoli derivabili dal 5G è invitato ad aderire all’iniziativa, in maniera coordinata ma autonoma e spontanea, nel pieno rispetto di leggi, normative e regolamenti in tema di ordine pubblico, senza l’adozione di sigle partitiche, ma nel massimo rispetto delle legittime e fisiologiche diverse appartenenze.

Chiunque nella propria Città, Comune, località può organizzare:

  • Flash Mob
  • Incontri/dibattiti
  • Azioni di informazione pubblica (banchetti, volantinaggi etc,)
  • Sensibilizzazione la comunità sui gravi pericoli del 5G, servendosi di canali social e mezzi di comunicazione interattiva, puntando su organi decisori politico-istituzionali locali e mezzi di informazione territoriale

La mobilitazione Stop 5G in tutta Italia è per le giornate di Sabato 15 Giugno e Venerdì 21 Giugno 2019.

Per aderire all’iniziativa si può scrivere una email all’indirizzo stop5gmeeting@gmail.com indicando:

  1. Città/Comune/Località
  2. riferimento dei/del proponente
  3. tipo di iniziativa programmata 

Nelle scorse settimane, inoltre, cinque deputati (Sara Cunial prima firmataria insieme a Silvia Benedetti Gloria Vizzini, Veronica Giannone e Schullian Manfred) hanno depositato una mozione parlamentare che punta a impegnare il Governo in una moratoria nazionale sul 5G e a non modificare al rialzo i limiti delle esposizioni della popolazione all'alettrosmog.

QUI il testo completo della mozione , che cita gli studi nazionali e internazionali che attestano una mancanza di sicurezza e una possibile esposizione della popolazione a pericoli con questa nuova tecnologia.

È stata promossa anche una petizione nazionale che riafferma la richiesta di moratorie e di non innalzamento delle soglie limite di esposizione, petizione lanciata dal giornalista Murizio Martucci e appoggiata dalla dottoressa Fiorella Belpoggi dell'Istituto Ramazzini.

QUI per firmare

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche: