Cohousing San Giorgio, Ferrara: una risorsa per la città

Il cohousing San Giorgio di Ferrara non è solo un esempio di tenacia, di innovazione ecologica e tecnologica e di creatività abitativa. Si tratta anche di un motore sociale aperto al territorio e alle diversità.

22 Novembre 2018

Il cohousing San Giorgio di Ferrara ha iniziato a prendere forma nelle menti di un gruppo pioniere nel 2008. Dopo tante difficoltà, sfide e imprevisti, il cohousing si realizza nel 2015 e da allora, la relazione dei coabitanti si è trasformata, senza perdere la "sostanza" e l'intenzione originari. Sette famiglie che hanno messo in primo piano l'abitare ecologico fornendo la propria casa di soluzioni tecnologiche innovative, riconosciute a livello nazionale ed internazionale, tanto da aver vinto un premio a riguardo: il Green Building Solutions Awards 2015. Hanno stretto un Protocollo di intesa con il comune di Ferrara, che riconosce il cohousing come una risorsa per il territorio. Non solo: oggi, sono un motore sociale aperto al territorio e alle diversità e non viene persa un'occasione per coinvolgere i vicini, diffondere buone pratiche o sperimentarsi nella condivisione dei saperi. "Abbiamo la Serata di lettura, la Serata di cinema C’è chi c’è" racconta Alida Nepa, una fondatrice e abitante di San Giorgio "o viene praticata l'antica arte di Qi-gong. Altre volte ci sperimentiamo nella cucina vegana, o ci dedichiamo al Teatroxcasa o invitiamo un autore a presentare il proprio libro. Questi sono tutti momenti di aggregazione e di divertimento ma li definirei anche veri momenti “politici” nel senso più nobile del termine cioè per migliorare la “polis”, la città, a partire dal nostro condominio".

Tutti possono partecipare, è sufficiente contattare i residenti. Quali sono i prossimi incontri in programma? "Il 24 Novembre cohousing SanGiorgio ospiterà le persone italiane e straniere che hanno aderito o sono interessate al progetto di Scambio Linguistico, promosso da Agire Sociale, il primo progetto nazionale rivolto a tutti i cittadini, che permette, a costo zero, di scambiare la propria lingua madre -arabo, francese, inglese, cinese, spagnolo, ecc.- con l’italiano" Spiega Alida "Alcuni cohousers hanno già fatto lo Scambio con un ragazzo migrante, che ha un’ottima conoscenza dell’inglese o francese; conversando si sono scoperti nuovi mondi e culture affascinanti, e ognuno ha migliorato la propria conoscenza linguistica. Siamo molto contenti che il cohousing sia il punto di riferimento per questo originale progetto di integrazione".

Per andare a conoscere il cohousing e partecipare alle loro attività, pagina facebook , sito web , email: info@cohousingsolidaria.org

Guarda il video su Rainews!

 

 

Vuoi saperne di più sui cohousing? Leggi i libri di Terra Nuova!

Cohousing e condomini solidali è un testo dedicato all'abitare in condivisione. Partecipazione, progettazione intenzionale, servizi in comune e gestione diretta da parte dei residenti sono alla base di questa forma di vicinato dove, famiglie, singoli, coppie decidono di condividere alcuni spazi e servizi comuni, mantenendo però la propria casa. Oltre a una vasta panoramica del cohousing in Europa e negli Stati Uniti, in cui vengono riportate le testimonianze dirette di chi ci vive, nel testo si trovano preziosi suggerimenti su come avviare il proprio progetto, dalla gestione dei conflitti alla scelta dei materiali, dalla cura dei bambini alla gestione dello spazio esterno. A chiudere il libro un'analisi delle esperienze europee fino al promettente panorama italiano. Continua a leggere...

 

La vita comunitaria e la condivisione dell'abitare si stanno espandendo sempre di più, non solo all'estero, ma anche nel panorama italiano, che offre un ricchissimo e variegato arcipelago di esperienze, dall'housing sociale ai condomini solidali, dal cohousing agli ecovillaggi. Francesca Guidotti nel suo libro Ecovillaggi e cohousing mette a disposizione la sua attività di ricerca, accompagnandoci in maniera dettagliata all'interno delle varie realtà italiane, da nord a sud, fornendo una scheda dettagliata per ogni progetto, dalla personalità giuridica all'eventuale ispirazione spirituale, dall'organizzazione economica alla dieta scelta. Una guida per farsi un viaggio nelle esperienze comunitarie all'insegna non solo del risparmio economico ma soprattutto di uno stile di vita sobrio e a basso impatto ambientale, basato su relazioni autentiche e di solidarietà. Continua a leggere...

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

Posta un commento