Giovani europei: l'avventura di crescere in Natura

Dal 21 al 30 Luglio 2018, presso la Fattoria Hästekasen in Svezia, sessanta giovani provenienti da Svezia, Estonia, Grecia, Germania, Italia, Olanda, Slovenia e Romania si sono incontrati per uno scambio giovanile finanziato dal programma Erasmus+. Ecco il resoconto dei ragazzi italiani inviati dalla Rete italiana villaggi ecologici.

11 Ottobre 2018

Grazie al lavoro di un team appassionato di volontari, la Rete italiana villaggi ecologici - RIVE ha inviato più di dieci giovani quest’estate in ecovillaggi e fattorie d’Europa per sperimentarsi nella relazione, l’intercultura e abilità di autosussistenza. Così è successo per il progetto LARP – Live active role playing, nove giorni di gioco di ruolo in Svezia, presso la Fattoria Hästekasen in Svezia, dove sessanta giovani provenienti da Svezia, Estonia, Grecia, Germania, Italia, Olanda, Slovenia e Romania si sono incontrati per vivere un’avventura fantasy in mezzo ai boschi, dove il reale si è fuso con l’immaginario.
“Il tema principale di questo scambio era quello di creare una storia fantastica in cui il divertimento e la creatività fossero alla base di un’immersione nella natura Svedese” racconta Gaia Tarani, una delle volontarie che ha reso questo progetto possibile “mentre i primi giorni sono stati dedicati alla formazione dei partecipanti attraverso laboratori di recitazione, competenze scout, cucito e costruzione di rifugi, la seconda parte dello scambio ha visto i partecipanti mettersi alla prova nel gioco di ruolo attivo. RIVE, come partner del progetto, ha selezionato i partecipanti italiani e al termine dello scambio, ha raccolto i racconti di quella che è stata per loro un’indimenticabile avventura!”.
Ecco quindi le voci dei protagonisti e le immagini che ben trasmettono il vissuto di quei giorni.

Se sei interessato a partecipare a scambi come questi, segui questa pagina o compila il modulo oppure scrivi a internazionale@gmail.com.

Tiziano Carta, Cagliari, Youth Leader del gruppo
Sono stati giorni intensi, soprattutto da un punto di vista sociale: quando non eravamo impegnati a organizzarci per l’evento LARP, tipo preparare i costumi, immaginare e calarci nei nostri rispettivi personaggi, tutti i nostri momenti liberi sono stati scanditi dal costante relazionarsi con i partecipanti. Ogni giorno è stato un susseguirsi di storie personali, risate, conversazioni assurde e momenti di gioco. E questo senza parlare del LARP! Calarsi nel proprio personaggio significava venire sistematicamente rapiti dalla meravigliosa ambientazione al punto di dimenticarsi quasi che in fondo stavamo solo giocando. Insomma: un’esperienza bellissima e veramente fuori dal comune!

Valeria Baschirotto, 18 anni, Verona
Questa esperienza è stata a dir poco spettacolare! Davvero molto bella! L'ambiente incredibile sembrava rispedirci indietro nel tempo. LARP è stato meraviglioso, mi sono divertita come non mai e mi ha aperto a un mondo che voglio esplorare. La parte migliore dell'esperienza, per quanto mi riguarda, sono state le persone... Ho perso il conto di quante persone incredibili da tutta Europa ho conosciuto, con cui ho sviluppato una meravigliosa amicizia.

Lorenzo Saracino, 20 anni, Alessano
Un'esperienza di quelle che non capitano tutti i giorni: ho vissuto per dieci giorni in una fattoria nel bel mezzo al “nulla”, lontana dal mondo civilizzato e capitalista. Un'esperienza unica, completamente al di fuori della mia sicura normalità: lavarsi i denti da una fontanella nel bosco; farsi la doccia nei fiordi; mangiare ogni giorno piatti diversi e tipici di ogni parte d’Europa, seduti allo stesso tavolo, parlando innumerevoli lingue diverse; andare in giro per le vie di Lysekill vestiti da Vichinghi… Tutti questi sono ricordi indelebili che porterò con me per sempre.

 

Alice Carotenuto, 16 anni Verona

Ho vissuto i dieci giorni più emozionanti della mia vita e a rendere tutto ciò ancora più meraviglioso sono state le persone che hanno partecipato e il luogo magico immerso nelle verdi foreste svedesi. Giorni immersi nella natura estrema senza i comfort quotidiani dove per lavarsi condividevamo un'unica risorsa d'acqua, il mare. Poi c'erano bagni a secco, letti arrangiati, candele… e tutto ciò è stato ancora più divertente perché insieme a me c'erano più di 60 ragazzi provenienti da paesi europei diversi. Grazie a questa avventura mi sento cresciuta perché sono riuscita a superare alcuni miei limiti. Se potessi rifarla non ci penserei due volte! Continuerò a rimanere informata sui progetti proposti da RIVE perché offrono ai giovani delle esperienze uniche che fanno crescere dal punto di vista personale e relazionale.

Elianto, 19 anni, Ferrara
L'esperienza mi ha a dir poco entusiasmato, sono riuscito a conoscere un sacco di persone e abitudini per me insolite ed intriganti. Un LARP nella vita credo che ognuno dovrebbe sperimentarlo! Ti fa provare emozioni forti che nel tuo personaggio di tutti i giorni non avresti mai il coraggio di tirare fuori. Penso che sia un progetto che Rive debba assolutamente riproporre anche a persone più grandi, anche se so che potrebbe esser più difficile. 

 

 

Vuoi saperne di più sulla Rete degli ecovillaggi e delle comunità presenti in Italia e all'estero? Leggi il libro di Terra Nuova!

La vita comunitaria e la condivisione dell'abitare si stanno espandendo sempre di più, non solo all'estero, ma anche nel panorama italiano, che offre un ricchissimo e variegato arcipelago di esperienze, dall'housing sociale ai condomini solidali, dal cohousing agli ecovillaggi.
Francesca Guidotti nel suo libro Ecovillaggi e cohousing mette a disposizione la sua attività di ricerca, accompagnandoci in maniera dettagliata all'interno delle varie realtà italiane, da nord a sud, fornendo una scheda dettagliata per ogni progetto, dalla personalità giuridica all'eventuale ispirazione spirituale, dall'organizzazione economica alla dieta scelta. Una guida per farsi un viaggio nelle esperienze comunitarie all'insegna non solo del risparmio economico ma soprattutto di uno stile di vita sobrio e a basso impatto ambientale, basato su relazioni autentiche e di solidarietà. Continua a leggere!
 

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

Posta un commento