Nuovi ecovillaggi? Ecco qualche consiglio

Un'intervista ad Alfredo Camozzi, ex presidente RIVE e membro de La Comune di Bagnaia.

26 Febbraio 2017

Durante il Campo dei nuovi progetti della Rete italiana villaggi ecologici - R.I.V.E , svoltosi lo scorso Settembre presso l'ecovillaggio Tempo di Vivere (MO), è stato girato un video amatoriale in cui vengono poste delle domande ad Alfredo Camozzi, ex presidente R.I.V.E e membro de La Comune di Bagnaia da vent'anni.

Da un lato, Camozzi racconta della sua comunità: dove si trova, come è nata, quali sono i rapporti con la comunità locale, in che modo si è realizzata la sostenibilità economica ed ecologica e come sono suddivisi ruoli e mansioni tra gli abitanti dell'ecovillaggio. D'altra parte spiega qual'è la visione de La Comune, come vengono prese le decisioni e come vengono gestiti i conflitti.

Le risposte sono ricche di suggerimenti per coloro che desiderano creare un nuovo progetto di ecovillaggio e non sanno da dove cominciare.

Interessante anche l'analisi sui vantaggi e svantaggi di questa scelta di vita, che lascia trasparire l'autenticità del racconto e la consapevolezza che non c'è un modello preconfezionato da copiare per questo tipo di sperimentazioni. Serve esperienza e hanno senso solo se integrate con il proprio stile di vita.

Vuoi saperne di più su come far parte di un ecovillaggio o crearne uno nuovo? Clicca sulla copertina di " Ecovillaggi e cohousing" che segue!

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

Vivere in ecovillaggio Franco

18/01/2019 17:23

Interessante essere informato su realizzazione ecovillaggio nel Lazio. Sono pensionato autonomo autosufficiente. Età 68

Cambiamento!? stato GIUSEPPE GARDONI

25/11/2018 10:41

Salve! Cerco di essere il più sintetico possibile, 58 anni in pensione, (autonomo) desidero di cambiare vita! Ritorno alla terra da cui provengo" posso collaborare" aiutare" con eco villaggio sia esistente che in via di creazione..." insomma ritorno alla vita..." Come posso fare... grazie!

Posta un commento