Treja, quel fiume è anche mio

"Se l'uomo non sarà in grado di rapportarsi alla natura e ai suoi elementi con un criterio di relazione e condivisione cadrà in una tale depressione da meditare il suicidio collettivo della specie"

31 Dicembre 2002
Nei vari centri dell'Agro Falisco, dove si sono recentemente rinnovate le cariche amministrative, non si è ancora capaci di capire l'importanza dell'ambiente. Ignorato completamente dalla politica e riportato in cronaca solo quando compare l'emergenza. Ambiente vuole dire vita, terra, acqua, aria. Un esempio? 
Se esaminiamo le direttive del Piano paesistico regionale del Lazio scopriamo che l'intera valle del Treja è stata dichiarata area da tutelare, infatti nel Piano si auspica l'inserimento di tutti i paesi del Treja in una "riserva" a sviluppo ecosostenibile. Nella riserva che ingloberebbe sia il fiume Treja che i suoi affluenti e sorgenti sono inseriti i territori interessati dei vari centri viterbesi, come Monterosi, Nepi, Calcata, Faleria, Castel Sant'Elia, Gallese e Civita Castellana. Una precisazione: la maggior parte del fiume scorre in provincia di Viterbo, mentre le sorgenti si trovano nella provincia di Roma, nell'area intorno a Settevene fra Campagnano, Mazzano e Magliano. Nell'area di Settevene (e posti limitrofi) c'è una enorme polla sotterranea di acqua potabile che però fa gola a vari Enti. L'Acea ha un suo progetto per la captazione delle sorgenti per dirottarle verso il lago di Bracciano per colmare il livello dell'invaso lacustre che serve da serbatoio di acqua potabile per l'area metropolitana. 
Il comune di Campagnano intende, invece, captare le sorgenti di Mola Maggiorana per ricavarne laghetti ameni ed acquapiper di un mega luna park (finanziato da una multinazionale degli emiri). 

Nel tentativo di accaparramento delle acque si aggiunge oggi l'ipotesi di utilizzo delle sorgenti della Fonte di Virgilio (per imbottigliamento di acqua minerale) che si trovano nel comune di Mazzano Romano, ai limiti del Parco di Treja. Le varie sorgenti, tutte inserite nel bacino imbrifero del Treja, sono sempre più a rischio, ma la legge Galli, che dovrebbe tutelare le acque sia per gli scarichi fognari che per la salvaguardia delle polle non viene ancora attuata. In verità nessuno dei paesi che ricadono nel bacino del Treja è munito di sistemi di depurazione, il che significa che se la captazione delle sorgenti venisse perpetrata (per uso industriale o metropolitano) il fiume diverrebbe a tutti gli effetti una cloaca a cielo aperto. Infatti Campagnano, Magliano, Mazzano, Calcata, Nepi, Castel Sant'Elia, Faleria e Civita Castellana (che del Treja è foce) e gli altri paesi del comprensorio scaricano liquami urbani e industriali nel fiume e nei suoi affluenti. Occorre immediatamente un'inversione di tendenza e un sostanziale risparmio e conservazione delle acque potabili, se non vogliamo che questo bene prezioso sia sprecato o distrutto da una politica ambientale cieca e speculativa. Occorre che la salvaguardia delle sorgenti del Treja divenga effettiva a partire da subito. Invito perciò la Regione Lazio, la Provincia di Viterbo e di Roma e i Comuni dell'Agro Falisco a farsi curatori di una tutela reale sulle acque, un bene insostituibile per la vita delle generazioni future.

di Paolo D'Arpini

Treja, quel fiume è anche mio
  • Attualmente 3.5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 3.7/5 (3 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!