Giocattoli tossici

Nonostante l'allarme Pvc, sono ancora numerosi i composti tossici presenti nei giocattoli di largo consumo. Una ragione in più per dare la preferenza ai balocchi ecologici.

12 Dicembre 2004



Il primo allarme risale al '97, quando in 63 campioni di giocattoli per la prima infanzia, gli specialisti di Greenpeace trovarono diversi componenti tossici, tra cui i micidiali ftalati (utilizzati per rendere più morbidi gli oggetti di plastica), responsabili di danni al fegato, ai reni e all'apparato riproduttivo maschile.

Dall'inchiesta, ripresa da numerosi organi d'informazione, nacque la campagna "Stop ai giocattoli in Pvc", in seguito alla quale nel '99 i ftalati furono banditi dai giocattoli e da altri oggetti (anelli dentali, tettarelle, ecc.) di plastica morbida destinati ai più piccoli. L'articolo - che prende spunto dal rapporto di Greenpeace "Eredità chimica: bambini contaminati", in inglese su www.greenpeace.org.uk/childrensreport.htm - mette in guardia sui rischi dei giocattoli indicati come "tossici" e propone una vasta gamma di alternative per l'acquisto di balocchi a misura di bambino...

La versione completa dell'articolo è disponibile nel numero di Dicembre 2003 - Formato Elettronico (PDF).



Le nostre riviste: TERRA NUOVA e  SALUTE E'

Acquista ultimo numero

Abbonati alla rivista

Acquista un arretrato

I libri di Terra Nuova Edizioni

Visita lo shop on line

di Mimmo Tringale

Giocattoli tossici
  • Attualmente 3 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 3.2/5 (5 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!