La Formula del disastro

In merito agli episodi avvenuti in questi giorni circa il latte in polvere cinese contaminato con melamina, ecco alcuni importanti dati che ci invitano a riflettere. Fra il 1982 e il 1994, la FDA (Food and Drug Administration) in USA ha riscontrato 22 casi di alterazione della formula che hanno richiesto il loro ritiro dalla distribuzione; in 7 casi si trattava di alterazioni “potenzialmente mortali”...

29 Settembre 2008
I rischi della formula possono rientrare in diverse categorie. Certo, ci può essere la frode, come nel caso della Sanlu o in quello, che ha avuto altrettanta eco sui media, avvenuto nel febbraio 1995 in USA, dove gli agenti speciali della FDA hanno sventato un piano criminale in cui latte scaduto veniva rietichettato e reimmesso sul mercato.

Ma i casi più frequenti riguardano la contaminazione batterica o da sostanze tossiche. Quelli che seguono sono solo alcuni esempi: stiamo parlando di un controllo minimale (su una minima proporzione di campioni) e relativo solo agli USA.
E, come dice Maureen Minchin nel suo libro "Breastfeeding matters" (p. 33), il fatto che certi problemi siano segnalati più frequentemente negli Stati Uniti «...non significa che questi problemi erano o sono più comuni in America, ma semplicemente che è più facile che vengano alla luce in un paese dove i cittadini sono litigiosi, le "soffiate" sono protette e le organizzazioni dei consumatori sono attive da più tempo».

Lista degli ultimi "incidenti" degli alimenti formulati per lattanti:

>> 18 marzo 2000 - Formula della Nestlé volontariamente ritirata negli USA perché non adeguatamente sterilizzata.

>> 25 aprile 2000 - Negli USA, un assortimento di confezioni della Mead e della Abbott di latte in polvere e concentrato, o fortificati con ferro, o non contenente derivati del latte vaccino, alla soia e altri, sono stati erroneamente etichettati, per cui sono stati ritirati.

>> 7 luglio 2001 - USA: nell'etichetta, le istruzioni in spagnolo relative alla preparazione di una formula della Mead Johnson sono state mal tradotte: il latte erroneamente diluito avrebbe potuto causare convulsioni, aritmia cardiaca e anche morte se usato per più giorni.

>> 15 agosto 2001 - Due formule della Wyeth ritirate nel Regno Unito per due casi di botulismo.

>> 14 settembre 2001 - USA: 120 confezioni di formula della Nestlè contenevano troppo magnesio nella lattina: rischi contaminazione del latte e quindi di ipotensione e aritmie cardiache nei lattanti.

>> 6 febbraio 2002 - Belgio: formula della Nestlè contaminata da Enterobacter sakazakii: morto un neonato di 5 giorni, ritiro delle confezioni.

>> 11 febbraio 2002 - USA: formula della Wyeth contaminata da Enterobacter sakazakii.

>> 29 marzo 2002 - USA: formula della Mead Johnson contaminata da Enterobacter sakazakii.

>> 1 novembre 2002 - Formula della Wyeth distribuita in Cina risulta contaminata da Enterobacter sakazakii.

>> 1 settembre 2003 - USA: formula della Mead Johnson contaminata da Enterobacter sakazakii.

>> 11 ottobre 2003 - Latte "kosher" della Humana erroneamente carente di B1, danni neurologici nei neonati in Israele, due decessi.

>> 31 marzo 2004 - Negli USA una formula della Mead Johnson, a causa dell'errata capacità del misurino, portava a un errore nella diluizione del latte, con conseguente diarrea e disidratazione dei lattanti.

>> 21 aprile 2004 - Un danneggiamento interno dei contenitori ha causato la presenza di piccoli frammenti (fino a 8 mm di lunghezza e 2 di larghezza) di metallo in una formula della SMA Nutrition alla soia, distribuita nel Regno Unito e in Irlanda.

>> 6 settembre 2004 - Una formula della Nestlè con probiotici, distribuita in Australia, aveva una composizione non rispondente agli standard, con rischi di diarrea o costipazione nei lattanti.

>> 7 settembre 2004 - In USA una formula della Guan Wei Yuan aveva un contenuto di proteine e altri ingredienti essenziali non corrispondenti a quanto dichiarato in etichetta, con gravi potenziali conseguenze nello sviluppo dei lattanti.

>> 12 ottobre 2004 - Una formula della Mead Johnson distribuita in Francia, Regno Unito, Brasile, Hong Kong, Gambia, Gabon e altri Paesi, risulta contaminata da Enterobacter sakazakii. 2 bambini sono deceduti.

>> 1 dicembre 2004 - USA: formula liquida concentrata senza derivati del latte vaccino, della Mead Johnson, sequestrata perché maleodorante e con aspetto "cagliato".

>> 1 gennaio 2005 - Alcune formule della Mead Johnson messe al bando in Brasile per il sospetto coinvolgimento in casi di infezione batterica in neonati.

>> 1 gennaio 2005 - In Francia una formula della Picot risulta contenere un numero inusuale di Salmonelle: 44 lattanti ricoverati in ospedale per l'infezione.

>> 25 gennaio 2005 - In Brasile una formula prodotta dalla Nutricionais Lida e distribuita da Numico/Milupa risulta contaminata da Enterobacter sakazakii.

>> 25 gennaio 2005 - Una formula liquida fortificata, della Nestlé, viene sequestrata in Svizzera e Francia perché maleodorante e con aspetto "cagliato" a causa di lesioni nei contenitori.

>> 2 febbraio 2005 - Negli USA una formula della Abbott Ross viene ritirata perché conteneva particelle di plastica nera.

>> 18 febbraio 2005 - Finlandia formula della Nutricia ritirata perché per errore conteneva concentrazioni di vitamina D dieci volte superiori al dovuto.

>> 11 aprile 2005 - In Francia alcuni campioni di formula della Danone (la formula, per l'esportazione in Africa e Medio Oriente, era prodotta dalla Picot) risultano contaminati da Salmonella agona, causando l'infezione in 54 bambini fra gli 1 e i 12 mesi.

>> 27 maggio 2005 - In Cina una formula della Nestlé è stata ritirata perché aveva un contenuto di iodio troppo elevato, inaccettabile in base agli standard.

>> 25 luglio 2005 - In Argentina una formula della Mead Johnson al test di campionatura risulta contaminata da Enterobacter sakazakii. Lotti bloccati, campioni già acquistati vengono ritirati, le vendite sospese.

>> 16 ottobre 2005 - In Olanda e Lussembrugo una formula della Babymill al test di campionatura risulta contaminata da Enterobacter sakazakii.

>> 27 ottobre, 25-26 novembre 2005 - In Francia, Grecia e in Italia sono state rinvenute confezioni di formula della Nestlé e della Milupa contaminate da ITX (isopropiltoxantone), un fissativo degli inchiostri usati sulle confezioni prodotte dalla Tetrapack. Confisca di 30 milioni di litri del prodotto Nestlé e di 100.000 litri di quello Milupa.

>> 11 dicembre 2005 - Una formula della Gerber distribuita in Israele conteneva livelli pericolosi di Cadmio, un metallo tossico che tende ad accumularsi nel fegato e nei reni. Ritirato lo stock incriminato.

>> 2 febbraio 2006 - Una formula della Lacto-Misr, Egitto, ha cessato la produzione per sospetta responsabilità in casi di diarrea e gastroenterite, le cui cause sono ancora sotto accertamento (si ipotizza la cattiva conservazione dei prodotti o l'uso di olii importati per la formulazione). Sono state ritirate circa 400.000 confezioni.

>> 21 febbraio 2006 - Ritiro volontario, in USA e Sud Corea, di un lotto di formula della Mead Johnson, dopo il rinvenimento di particelle di metallo di colore nero (nikel e ferro), che secondo la FDA potevano esporre a gravi rischi il sistema respiratorio del neonato.

>> 25 febbraio 2006 - Dopo il rinvenimento, da parte delle autorità cinesi, di confezioni contaminate da particelle di metallo in una formula della Mead Johnson, il lotto di prodotto è stato ritirato dal mercato anche negli USA.

>> 15 maggio 2006 - Ritiro, per ordine delle autorità di Buenos Aiers, di una formula della Nestlé distribuita in Argentina, trovata contaminata da Enterobacter sakazakii; successivamente è stato deciso di reintrodurre il prodotto sul mercato perché dal campionamento di controllo non sono state rinvenute altre confezioni contaminate.

>> 12 settembre 2006 - Ritiro dal mercato sud-coreano di una formula della Namyang contaminata da Enterobacter sakazakii.

>> 15 settembre 2006 - Ritiro dal mercato USA di 3 lotti di formula liquida della Abbott Ross perché erroneamente priva di vitamina C; inoltre la confezione era difettosa, il che ha causato un'alterazione nel colore del latte.

>> 10 ottobre 2006 - Formula della Jotis contaminata da Enterobacter sakazakii e prontamente ritirata dal mercato cipriota.

>> 30 novembre 2006 - Ritiro volontario dal mercato australiano di alcuni lotti di formula della Nestlé, a causa di alcune lattine nelle quali erano stati rinvenuti frammenti di metallo.

>> 23 febbraio 2007 - La formula S25 pronta all'uso (liquida) della Wyeth è stata ritirata in Australia e N. Zelanda perché contenente "una sostanza verde gelatinosa".

>> 23 aprile 2007 - Nurture Plus della Heinz ritirata in via precauzionale per aver rilevato tracce di lecitina di soia.

>> 5 maggio 2007 - Formula Baby Soia della Kayebe ritirata in Uganda perché contaminata da Enterobacter Sakazakii.

>> 19 giugno 2007 - Varie formule della Wyeth: ritirate nelle Filippine 4,3 milioni di confezioni danneggiate da un tifone.

>> 17 luglio 2007 - Confezioni della Humana (distribuite in Slovenia e Croazia), della Milupa (distribuite in Germania) e della Hipp (Austria e Lussemburgo) ritirate perché contaminate da Enterobacter Sakazakii.

>> 27 settembre 2007 - Tè digestivo della Ordesa, due partite ritirate in Spagna per probabili implicazioni in due casi di botulismo infantile.

>> 16 gennaio 2008 - Formula di soia della Nutrition & Santé Iberia, alcune partite ritirate in Spagna perché contenevano tracce di latte vaccino.

>> 12 marzo 2008 - Una partita di formula (latte 1) della Nestlè prodotta in Sud Africa e distribuita in S. Africa, Zambia e Botswana, ritirata per un errore di miscelazione, che ha portato a un'eccessiva concentrazione di rame, ferro e zinco.

>> 27 agosto 2008 - 3 lotti di formula della Sanluri confiscati dal Ministro della Sanità spagnolo per 29 casi di lattanti, nutriti con questa formula contaminata da Salmonella enterica, che hanno sviluppato diarrea.

>> 12 settembre 2008 - Formula della Sanlu, prodotta in Cina e distribuita in Cina, Medio Oriente, India e vari Paesi africani, risulta adulterata da melamina. 700 tonnellate di prodotti confiscati; più di 54.000 bambini affetti; 13.000 ricoverati; 104 in condizioni critiche; 4 deceduti.

>> 12 settembre 2008 - Formula "purity" della Tiger (latte 1 e 2) distribuiti in Botswana, confiscata per aver apposto sulla data di scadenza una nuova etichetta che ne prolungava la scadenza.


Fonti:

>> Altroconsumo "Lo scandalo dell'ITX"

>> IBFAN:
- Lista degli incidenti dal 2000 al 2007.
- Lista degli incidenti dal 2007 al 2008.
- Dichiarazione stampa dell'Academy of Breastfeeding Medicine.
- Dichiarazione stampa de La Leche League International.

di Antonella Sagone