Le Arti della Gioia

La bellezza nascosta: dalla desolazione a un nuovo mondo in comune. Terza edizione di Arti e Gestalt, appuntamento annuale dove si partecipa facendo esperienza assieme ad un mélange tra artisti, terapeuti della Gestalt, attori, musicisti, cantanti, educatori, terapeuti, counsellors, insegnanti, assistenti sociali, infermieri, medici, psicologi, filosofi, antropologi e con chiunque sia curioso verso nuovi modi di stare insieme con creatività.

22 Novembre 2018

Il Festival di Arti e Gestalt nasce dal sogno e dalla collaborazione tra Azioni e Contaminazioni, International School of Art Gestalt Training e Istituto Gestalt di Firenze, per scommettere su arte e bellezza da cercare e riconoscere anche nelle crepe della vita, nelle incrinature della “forma bella”. L’archeologia industriale, di cui ospiteremo una mostra fotografica di Michele Greco, diventa allora metafora di luoghi interni desolati a cui affacciarsi e da abitare, per potersi aprire a un cammino di riconciliazione interna con parti dimenticate e rinnegate, come via di uscita dalla desolante indifferenza che declama un’unica immagine di sé, annullando le differenze e creando “egosauri”.

L’arte, come la Gestalt, invitano lo sguardo verso la molteplicità, bussola per una democrazia nelle relazioni umane, perché possano partecipare a varie forme di bellezza, diverse, inconsuete, scoperte dallo stupore.

Il tema di quest’anno, Le Arti della Gioia, dopo “Abitare la distanza” e “L’intenzione e le sue forme”, titoli delle passate edizioni del convegno di Arti e Gestalt, porta avanti la ricerca e il confronto di visioni, valori e metodologie con attori di diverse discipline, che la formazione triennale in Gestalt Art-Counselling propone ai suoi allievi e a coloro che vogliono partecipare a singoli workshop nell’ambito del training che ha una visione interculturale e un attivo impegno di formazione all’estero (Libano, Palestina, Giordania, Kurdistan iracheno, Thailandia, Brasile).

Appuntamenti passo per passo nel Festival:

Serate al Fondo Arti e Gestalt

Il Festival si apre con due serate presso la nostra sede a Firenze, in via del Guarlone 67/a:

# Lunedì 26 Novembre conferenza di Paolo Quattrini-Direttore scientifico dell’Istituto Gestalt Firenze “Il Maxinarcisimo e gli Egosauri” e dopo un aperitivo-cena La Metralli in concerto (12 euro-Prenotazione obbligatoria: info@art-counselling.it )

# Mercoledì 28 Novembre aperitivo-cena e conferenza di Maura Gancitano del Progetto TLON: “La politica dei sentimenti. Percorsi per lo sviluppo di un nuovo vivere democratico”. (8 euro, prenotazione obbligatoria info@art-counselling.it).

Tre giorni e due sere al Bigallo

# Dal 30 Novembre saremo all’Antico Spedale del Bigallo.

- Venerdì 30 dalle 10 alle 19 avremo il piacere di ospitare “Il giardino dei sentieri che si biforcano” workshop che Armando Punzo, direttore artistico della Compagnia della Fortezza di Volterra, terrà nell’ambito del ciclo triennale di laboratori teatrali, in occasione dei trentanni della Fortezza. (50 euro e 30 euro per chi è iscritto al convegno).

- A seguire, dalle 19.30 dopo un aperitivo-cena, “Sguardi sulla Fortezza”- Il teatro di Armando Punzo raccontato in film e video attraverso gli sguardi di altri registi. Interverranno Armando Punzo e Elena Turchi di Isole Comprese. (15 euro, prenotazione obbligatoria info@art-counselling.it).

# Sabato 1 e Domenica 2 Dicembre ci sarà il Convegno Le Arti della Gioia con artisti e terapeuti della Gestalt che proporranno workshop tra arte e relazione di aiuto: teatro sensoriale con Patrizia Menichelli-Teatro de los Sentidos di Barcellona, teatro sociale con Francesca Sanità-associazione Arbus, voce con Claudia Bombardella, arte visiva e installazioni con Gianni Capitani, danza Butoh con Tiziana Longo-Motimaru/Dance Company, foto-video terapia con Pierluca Santoro, teatro e voce terapia con Valentina Barlacchi, gestalt in movimento con Shobha Arturi, musicoterapia con Gianluca Taddei, workshop di Gestalt e psicoterapia con Paolo Quattrini, Anna Rita Ravenna e Alessandra Petrone. Con la partecipazione di Chiara Bartoletti, presidente AICo.

- Sabato 1 Dicembre alle 19.30 invito aperto a tutti alla serata con aperitivo-cena e Lettura-Concerto: “A volte Ritorno”, dal romanzo di John Niven, con gli attori Alessandra Bedino e Gianluigi Tosto e i musicisti Emanuele Le Pera-percussioni, Savino Pantone-viola e violino, Daniele Biagini-piano, Valentina Barlacchi-voce. (15 euro, prenotazione obbligatoria: info@art-counselling.it)

- Domenica 2 Dicembre "Le parole che mettono al mondo" poesia in workshop di Chandra Livia Candiani-poeta.

Ci saluteremo con la possibilità di fare un pranzo tutti insieme nella bellissima cucina monumentale con caminetto acceso al Bigallo!

Per vedere il programma e avere maggiori informazioni sui contenuti e sulla possibilità di pernottamento all’Ostello del Bigallo visitate il sito www.art-counselling.it

Per iscriversi è necessario inviare la scheda di iscrizione presente sul sito e il bonifico. Scrivere a: info@art-counselling.it

Il Convegno è riconosciuto da AICo.

di Sergio Tonon

MUSICOTERAPIA CON L'ARPA MONIKA PAUL

29/11/2018 15:04

posso mettere in futuro anche le mie attivita a voi?

Posta un commento