Ascorbato di potassio: passi avanti nella ricerca

Visto il grande interesse manifestato dai lettori sull'impiego terapeutico dell'ascorbato di potassio, torniamo sull'argomento

10 Dicembre 2004

Quando nel 1997 il Professor Valsè Pantellini fu insignito dell'onorificenza dell'Accademia delle Scienze di Mosca per aver contribuito, con le cure a base di ascorbato di potassio, ad alleviare le sofferenze dei bambini di Chernobyl, i medici sovietici credevano che si trattasse di un rimedio top-segret. In realtà le ricerche sull'uso terapeutico dell'ascorbato nella cura di patologie degenerative risalgono agli anni '30, Pantellini ne dedusse la sua utilità in modo del tutto casuale negli anni '70. Benché sia trascorso quasi un terzo di secolo dai primi studi del biochimico fiorentino, l'ascorbato di potassio continua ad essere una sostanza ancora sconosciuta per i protocolli ospedalieri italiani.

Ad evitare che il prezioso lavoro svolto dal Pantellini venga perso per sempre, è oggi la Fondazione Internazionale Valsé Pantellini che in collaborazione con l'Università di Parma e il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Pisa porta avanti gli studi del professore fiorentino scomparso nel '99.

Per comprendere la grande portata degli studi di Pantellini è necessario fare un piccola regressione per spiegare il ruolo svolto dal potassio nella regolazione dell'attività metabolica cellulare. Più esattamente tale sale minerale, molto diffuso in natura, controlla il funzionamento di quella che viene definita la "pompa sodio/potassio", un meccanismo estremamente sofisticato che regola l'assorbimento a livello cellulare riequilibrando la presenza della giusta quantità di sodio nel liquido attorno alle cellule (es. sangue, linfa, ecc) e del potassio al loro interno. La carenza di potassio nell'organismo causa l'alterazione della pompa sodio/potassio causando gravi degenerazioni a livello cellulare che allora volta possono portare a gravi patologie, fino al cancro.

Ora, l'importanza degli studi del Pantellini risiedono proprio nella scoperta dell'utilizzo dell'ascorbato di potassio come modo per reintegrare in maniera efficace le carenze del sale, ripristinando l'equilibrio e la salute dell'organismo. Oltre alle proprietà anticancerogene, l'ascorbato di potassio è, insieme ad altri micronutrienti (selenio, clorofilla, vitamine A, B, E, magnesio), un efficace anti-promotore tumorale. Questo vuol dire che è in grado di arrestare la progressione di una neoplasia. Per migliorarne l'assimilazione e quindi l'efficacia, da alcuni anni l'Università di Parma e il Cnr di Pisa stanno sperimentando, con risultati molto positivi, un'intuizione del Pantellini, cioè la combinazione ascorbato di potassio e ribosio, uno zucchero elementare che svolge un ruolo importantissimo nel metabolismo cellulare.

Unico neo di questa soluzione è rappresentato dall'elevato costo del ribosio. Se un chilo di ascorbato di potassio può costare intorno ai 50 euro, per un chilo di ribosio ne occorrono diecimila. Quanto e come assumere l'ascorbato? In realtà, il prezzo elevato di questi due ingredienti, abbastanza comuni, deriva dall'elevato grado di purezza richiesto. L'ascorbato di potassio si ottiene per soluzione acquosa estemporanea a freddo dei due componenti acido 1-ascorbico e bicarbonato di potassio cristallizzati purissimi. Entrambi devono essere conservati in bustine impermeabili (alluminio o polietilene) predosate e sigillate sotto vuoto con una bassa percentuale di umidità ambientale. Questo perché si tratta di sostanze fortemente igroscopiche e, limitatamente all'acido 1-ascorbico anche altamente fotosensibile.

Si sconsiglia quindi l'utilizzo di bustine comuni in carta o di capsule, perché il prodotto corre il rischio di degradarsi rapidamente. Inoltre, per le capsule spesso è necessario ricorrere a degli eccipienti (come il lattosio) che tolgono purezza ai componenti e rendono il prodotto decisamente poco efficace. In questi casi, una verifica indiretta della qualità può essere la difficoltà di solubilità e l'assenza di effervescenza in soluzione. Quando si scioglie in acqua il prodotto deve "mussare", inoltra non va mai assolutamente miscelato con cucchiai.

di Cristina Michieli

Ascorbato di potassio: passi avanti nella ricerca
  • Attualmente 4 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 4/5 (303 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!