L'appello di Condav: «Giustizia per i danneggiati da vaccino»

Si è tenuta mercoledì 24 ottobre a Roma la quindicesima edizione della Giornata in ricordo delle persone danneggiate o rese disabili dai vaccini, organizzata dal Condav. Ne è uscito un accorato appello: «Se i vaccini sono un obbligo, almeno si garantiscano riconoscimento e giustizia ai danneggiati».

25 Ottobre 2018

Ad aprire la quindicesima edizione della Giornata in ricordo delle persone danneggiate o rese disabili dai vaccini è stata la presidentessa del Condav , Nadia Gatti, madre di una ragazza che nell'infanzia ha riportato un danno a seguito della vaccinazione antipolio.  «Siamo sottoposti a pressioni fortissime, le famiglie dei danneggiati trovano solo porte chiuse, vogliono dare a intendere che non esistiamo, invece ci siamo e i nostri figli e familiari hanno diritto al riconoscimento, agli indennizzi e alle cure del caso».

Erano presenti anche gli avvocati dell'associazione che hanno illustrato le enormi difficoltà delle famiglie a portare avanti l'iter per la richiesta di riconoscimento e indennizzo che pur sarebbe previsto e contemplato dalla legge 210 del 1992. «Legge che oggi pare essere stata volutamente svuotata del suo significato - prosegue Gatti - fa comodo a molti affermare che i danni da vaccino non esistono e, dunque, fa comodo che gli iter non vadano avanti o vengano stoppati subito. In questo, lo Stato purtroppo esercita tutto il suo potere sul cittadino, che ha infinitamente meno mezzi per opporsi ai dinieghi».

La giornata ha visto una cerimonia di commemorazione di alcuni bambini e ragazzi deceduti in seguito a vaccinazione (erano presenti numerose famiglie) e un convegno durate il quale l'argomento è stato approfondito dal punto di vista medico e legale.

La Giornata in ricordo delle persone danneggiate o rese disabili dai vaccini non ha ancora ricevuto un formale riconoscimento da parte della Presidenza della Republica, malgrado le reiterate richieste avanzate dall'associazioe Condav.

Vaccini, guida per una scelta informata

È uscito il libro "Vaccini, guida per una scelta informata" (Terra Nuova Edizioni, ORDINABILE QUI ): traduzione e adattamento del libro del giornalista americano Neil Z. Miller.

Il manuale propone e raccoglie una enorme mole di dati provenienti dalla letteratura scientifica che permettono al lettore di esercitare il proprio senso critico sui benefici e i rischi delle malattie e delle vaccinazioni, in modo che le vaccinazioni non divengano e non siano solo una questione di "tifoserie".

Il lavoro del giornalista americano ha riscosso plauso e riconoscimenti; la prefazione è del neurochirurgo Russell Blaylock.

Nell'edizione italiana sono stati integrati dati nazionali ed europei, grafici e tabelle; sono stati anche inseriti alcuni indirizzi utili di enti, associazioni e movimenti che possono fornire riferimenti alle famiglie che volessero chiedere aiuto e suggerimenti nel percorso effettivo di scelta nel nostro paese.

di Terra Nuova

Posta un commento