Oncologia olistica

Riflessioni a margine del nuovo libro di Demetrio Iero, dedicato ai rimedi naturali contro il cancro

10 Dicembre 2004

Non poteva esserci cornice più appropriata del convegno promosso da Mario Conti dell'Istituto di Scienze Alpine per la vita per la presentazione di Oncologia Olistica, il nuovo libro di Demetrio Iero. Nell'incontro, organizzato a Olivone (Canton Ticino) proprio sull'utilizzo dei rimedi naturali nella cura dei tumori ha trovato infatti ampia eco la dettagliata documentazione contenuta nel volume, dove vengono presentati ben 109 preparati omeopatici e 136 piante (per la maggior parte sconosciute alla fitoterapia classica) sperimentati con successo come sostanze antitumorali. In alcuni casi si tratta di piante note da decenni alla farmacologia convenzionale, ma che continuano a rimane inutilizzate. Oltre ai rimedi omeopatici e fitoterapici, in Oncologia olistica viene illustrato anche l'impiego antitumorale di alcuni micronutrienti (vitamine, minerali, amminoacidi, ormoni, proteine), senza dimenticare il ruolo svolto da alcuni alimenti nella cura e prevenzione. Sulle potenzialità dei rimedi naturali nella cura dei tumori abbiamo intervistato l'autore, un medico da sempre attivo nell'ambito della pratica e della ricercatore delle terapie naturali. 

Com'è nata l'idea di questo libro-compendio sui rimedi naturali anticancro? 
Una delle critiche più diffuse alla medicina naturale è l'assenza di ricerca, con questa pubblicazione ho voluto smentire questo pregiudizio, riunendo il lavoro svolto negli ultimi due secoli da centinaia di medici e ricercatori, molti dei quali non si identificano in una scuola specifica di pensiero. Si tratta di medici statunitensi, inglesi, francesi, tedeschi e italiani, alcuni dei quali hanno avuto modo di sperimentare i rimedi proposti su migliaia di pazienti, riscontrando notevoli miglioramenti o complete guarigioni. Il libro contiene anche un'appendice dedicata ad alcuni micronutrienti utili nella terapia antitumorale e una sezione dedicata a alimentazione e cancro. Affrontando il tema dell'alimentazione è inevitabile una riflessione sulla contaminazione ambientale e per questo motivo mi è sembrato utile inserire nel volume la tabella dell'Organizzazione Mondiale della Sanità riguardante le sostanze con azione cancerogena. Purtroppo si tratta di un elenco vistosamente incompleto perché ogni anno vengono immesse nel mercato migliaia di nuovi composti chimici di sintesi, la cui tossicità è in gran parte conosciuta. In Oncologia Olistica, vengono indicate anche le piante e i rimedi omeopatici sperimentati in centri di ricerca internazionali che agiscono come antiretrovirali, cioè che sono in grado di agire sul virus della HIV; rimedi omeopatici e fitoterapici attivi contro la sclerosi multipla, la sclerosi a placche, le epatiti e le cirrosi. 

Ma non rischia di essere troppo dispersivo proporre l'impiego terapeutico di oltre duecento rimedi? 
No, non mi sembra dispersivo. A mio avviso è necessario fare una sintesi di quanto di valido è stato realizzato fino ad oggi in campo oncologico. Io stesso sono rimasto sbalordito dalla vastità delle esperienze effettuate, ma allo stesso tempo mi sono addolorato, perché molti dei rimedi segnalati nel libro sono stati dedotti da ricerche effettuate in ambito universitario, delle quali però poi, dopo la pubblicazione, non si sa più nulla. E' come se tutto questo lavoro che ha impegnato migliaia di ricercatori svanisse nel nulla o peggio ancora venisse occultato. Questo libro è importante anche per capire perché queste ricerche sono state insabbiate... 

di Mimmo Tringale

Oncologia olistica
  • Attualmente 4 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 4.1/5 (24 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!