Pa Tuan Chin: prima puntata

Introduzione alla ginnastica cinese tradizionale.

16 Dicembre 2004

Pa Tuan Chin (oppure ba duan jin, secondo un diverso metodo di traslitterazione degli ideogrammi cinesi) significa letteralmente «le otto pezze di broccato». Trattasi di una serie di otto esercizi di ginnastica molto antichi che vengono ancor oggi praticati da decine di milioni di cinesi, sia a scopo terapeutico, sia per preparare il corpo alla pratica delle arti marziali o di altre attività sportive.

Il broccato è un tessuto prezioso. I fili di seta utilizzati per la sua tessitura simboleggiano i meridiani della medicina tradizionale cinese, ossia i canali energetici attraverso i quali scorre il Ch'i (o qi secondo un altro metodo di traslitterazione), l'energia interna. Si noti bene che «meridiano» in cinese si dice Ching, parola che letteralmente significa «filo di un tessuto». Il sistema dei canali energetici del corpo umano è costituito da dodici meridiani regolari o fondamentali, da otto meridiani supplementari (talvolta chiamati straordinari o psichici) e da numerosi meridiani minori.

Se il Ch'i scorre liberamente nei canali energetici, il corpo gode di buona salute e il «tessuto» può definirsi prezioso.
Se vi è un blocco dell'energia interna il corpo si ammala o soffre di disarmonie. Questi blocchi possono venir rimossi da trattamenti di agopuntura o di digito-pressione (Tui Na) su numerosi punti vitali (Tien Hsueh) localizzati sui dodici meridiani fondamentali.

Gli otto canali energetici supplementari sono di solito parzialmente bloccati anche se il corpo sembra godere di buona salute. È possibile tuttavia aprirli completamente tramite i cosiddetti esercizi per l'energia interna (Ch'i Kung oppure qi gong secondo un altro metodo di traslitterazione). Il Pa Tuan Chin appartiene a questa categoria di esercizi. I blocchi dei meridiani supplementari non possono venire rimossi dall'agopuntura o da trattamenti di digito-pressione.

Durante gli esercizi di Ch'i Kung la forza del pensiero sospinge il Ch'i, «aprendo le porte», ossia sbloccando i meridiani supplementari che per questo motivo vengono anche definiti psichici. Fondamentale nelle tecniche di Ch'i Kung è anche il metodo di respirazione che deve sempre essere addominale profonda e non toracica. Secondo l'antica tradizione medica cinese infatti una delle componenti dell'energia interna è l'energia derivante dalla respirazione (K'ung Ch'i). Le altre due componenti sono l'energia derivante dal cibo (Ku Ch'i) e l'energia originaria o ancestrale (Yuan Ch'i) che è quella trasmessa dai genitori ai figli all'atto del concepimento. In realtà questi tre Ch'i derivano da una forma di energia più «materiale» che viene denominata Ching (da non confondere con il termine che significa «meridiano») ossia «essenza».

Ma, come vedremo, l'energia interna può esistere anche in una forma più «spirituale » che i cinesi chiamano Shen ossia spirito o energia mentale.
I dodici meridiani principali si possono paragonare a dei fiumi che distribuiscono il Ch'i ai vari organi del corpo; i meridiani supplementari hanno invece soprattutto lo scopo di immagazzinare un quantitativo sufficiente di Ch'i e di regolarne la circolazione in quelli principali.

La relazione meridiani-organi È importante osservare che il concetto di organi nella medicina tradizionale cinese è radicalmente diverso da quello della medicina occidentale. I cinesi non danno infatti importanza alla reale struttura fisica degli organi che sono considerati dei complessi funzionali più che delle strutture anatomiche....

La versione completa dell'articolo è disponibile nel numero di Terra Nuova Dicembre 2004 - Formato Elettronico (PDF)

Le nostre riviste: TERRA NUOVA e SALUTE E'

Acquista ultimo numero

Abbonati alla rivista

Acquista un arretrato

I libri di Terra Nuova Edizioni

Visita lo shop on line

di Roberto Fassi e Ignazio Cuturello

Pa Tuan Chin: prima puntata
  • Attualmente 4.5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 4.7/5 (13 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

antonio

02/01/2009 19:09

dato che si tratta di un articolo del 2005 avreste potuto e dovuto visualizzarlo completo

Silvia

21/06/2008 12:08

Molto interessante (ma perché l'articolo non è completo?), ho appena iniziato un corso di shiatsu zen e facciamo sempre questi esercizi prima di iniziare con le tecniche di massaggio. Vorrei approfondire il tema anche con libri specifici..potete darci qualche consiglio?

Dabliu

23/02/2007 13:08

scrivo "discreto" perche' non c'e' scritto "buono"...una spiegazione chiara che attraversa molti argomenti: mi piace.
Sono un operatore shiatsu dedito alle "ginnastiche mediche cinesi".Grazie per il lavoro svolto.

Posta un commento