Stop 5G: a Roma convegno e presidio

Martedì 5 novembre a Roma un convegno per rilanciare l'appello allo stop del 5G e nel pomeriggio manifestazione con presidio e striscioni in piazza Montecitorio. L'iniziativa è promossa dall'Alleanza Stop 5G e vede relatori di caratura internazionale che parleranno anche di rischi e pericoli di questa tecnologia digitale.

03 Novembre 2019

Martedì 5 novembre alla Camera dei Deputati a Roma si tiene in mattinata il convegno dal titolo "Moratoria nazionale 5G, tra rischi per la salute e principio di precauzione" promosso dall'Alleanza Stop 5G. Nel pomeriggio è stata indetta una manifestazione in piazza Montecitorio.

Al convegno, che si terrà dalle 10 alle 13, prenderanno parte in qualità di relatori:

- Patrizia Gentilini (medico oncologo, ISDE Italia)

- Prof. Dott. Klaus Buchner (deputato al Parlamento Europeo, Germania)

- Avv. Stefano Bertone (studio legale Ambrosio&Commodo)

INTERVENGONO anche:

On. Sara Cunial, On. Veronica Giannone, On. Matteo Dall'Osso, Sen. Saverio De Bonis, Sen. Andrea de Bertoldi, Sen. William De Vecchis (invitati altri parlamentari ed europarlamentari di diversi schieramenti politici).

Dalle 15 alle 18 si terrà un presidio simbolico con bandiere e striscioni in Piazza di Montecitorio, davanti al Parlamento. Il presidio si svolgerà senza simboli riconducibili a partiti, movimenti o ideologie politiche, né a gruppi esterni all'organizzazione e ai suoi effettivi aderenti.

Per saperne di più 

Un libro utilissimo, che illustra ricerche scientifiche e studi sui rischi prodotti dai campi elettromagnetici dei più moderni strumenti tecnologici: è "Manuale di autodifesa per elettrosensibili” (Terra Nuova Edizioni).

L’autore, il giornalista Maurizio Martucci, indica i confini e le linee guida dell’elettrosensibilità, una nuova forma di malattia ambientale altamente invalidante e tipica dell’Era Elettromagnetica, patita da un numero sempre più grande di cittadini invisibili, costretti alla fuga da città e modernità.

Nel libro sono raccolte le testimonianze dei malati, le storie di suicidi e dell’insorgenza di patologie tumorali, e le sentenze shock che stabiliscono il nesso telefonino=cancro; vengono raccontati i lati oscuri dell’elettrosmog e svelate le incongruenze, le distorsioni metodologiche e i conflitti d’interesse alla base del cosiddetto fronte negazionista. Capitoli molto importanti sono inoltre dedicati alle più efficaci terapie elettrodesensibilizzanti, che vengono in aiuto per cercare di ridurre l’impatto dei campi elettromagnetici sugli esseri umani.
Un libro inchiesta fondamentale per una corretta informazione e per chiedere ai cittadini e alle istituzione una presa di coscienza dei rischi dell’elettrosmog in nome del Principio di Precauzione.

di Terra Nuova

Posta un commento