Dentifrici fuorilegge per via del fluoro

Alcune note marche di dentifricio presenti sugli scaffali di negozi e supermercati italiani, sono a rischio sequestro per la presenza in eccesso di fluoro.

21 Ottobre 2009

Il fluoro, fondamentale per lo sviluppo sia osseo che dentale, nasconde infatti delle pericolose insidie: un'iperassunzione del minerale può causare la fluorosi. Tale patologia si manifesta con la comparsa di antiestetiche macchie bianche sullo smalto dei denti che, spesso, sono irreversibili. A tutela della salute un decreto ministeriale, che impone prescrizioni precise, a cui purtroppo alcune aziende produttrici non hanno dato seguito. I dentifrici contenenti tra lo 0,1% e lo 0,15% di fluoruro devono riportare obbligatoriamente dicitura "Controindicato nei bambini' in etichetta. Ecco le infrazioni rilevati dal Codacons:

"AZ protezione carie gel" contiene Fluoro di sodio 0,32 % senza la prescritta avvertenza obbligatoria "Controindicato nei bambini", idem per l'"Exigo dentrificio gel" che contiene fluoro di sodio 0,29% , "Dentifricio GS" (Fluoro 0,2%), "Fresh Up" (0,32%), "Durbans alle erbe" (1,11%). Altre marche come "Pharmadent" o "Betadent" non riportano nessuna indicazione circa la composizione del Fluoro né l'avvertenza obbligatoria). 

Il Ministero della Salute di concerto con quello dello Sviluppo economico ha emanato il 2 aprile del 2008 un decreto che introduce l'obbligo delle etichette trasparenti anche per i dentifrici e per le tinture per capelli. La normativa pone in evidenza come alcuni prodotti di uso comune possano rivelarsi altamente rischiosi. Nello specifico il decreto afferma: «Per i dentifrici contenenti tra 0,1 e 0,15% di fluoruro, qualora non rechino già sull'etichetta l'indicazione che sono controindicati per i bambini (ovvero che «possono essere usati soltanto da persone adulte»), e' d'obbligo la seguente etichettatura: "Bambini fino a 6 anni: utilizzare una piccola quantià di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per ridurre al minimo l'ingerimento. In caso di assunzione di fluoruro da altre fonti consultare il dentista o il medico».

Secondo gli studi - spiega il Codacons - il rischio di fluorosi è limitato ai bambini d'età inferiore ai 9 anni: lo smalto, da quel momento, non è più soggetto a rischi poichè la sua maturazione pre-eruttiva è completata.

Per questo motivo il decreto stabilisce che i dentifrici contenenti tra lo 0,1% e lo 0,15% di fluoruro devono riportare obbligatoriamente dicitura "Controindicato nei bambini' in etichetta.

Il Codacons ha svolto in questi giorni dei controlli a campione per verificare se le confezioni dei dentifrici in commercio nel nostro paese rispettino o meno le indicazioni previste dalla legge a tutela della salute dei bambini, constatando, purtroppo, la violazione delle norme da parte di alcuni marchi famosi.

Di qui l'esposto dell'associazione ai Nas e alla Procura di Roma, in cui si chiede di effettuare delle verifiche e disporre i sequestri dei dentifrici non a norma.

Fonte: Codacons

di Gabriele Bindi

Dentifrici fuorilegge per via del fluoro
  • Attualmente 4 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 4.1/5 (28 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!