Fett’unta

È tempo di raccolta delle olive e di "olio novo". In Toscana in questo periodo si prepara la celebre fett'unta, un piatto povero ma golosissimo, che permette di degustare l'olio appena fatto. Ecco qui la semplicissima ricetta e tre gustose varianti.

07 Novembre 2018
Fett’unta. Ricette vegetariane

Ingredienti

• pane toscano a fette
• spicchi di aglio
• olio extravergine di oliva nuovo
• sale
• pepe

Procedimento

Procuratevi del buon pane casareccio toscano, preferibilmente a lievitazione naturale e cotto a legna. Fatelo a fette spesse di 1,5 cm e grigliate o tostate al forno entrambi i lati.

Strofinate le fette di pane ancora tiepide con lo spicchio di aglio e condite con olio extravergine di oliva appena franto. Salate e pepate.

VARIANTE

Fett’unta toscana al cavolo nero

Il cavolo nero – privato della costola centrale – viene scottato in acqua bollente leggermente salata per una decina di minuti. Per mantenerne il colore verde scolare e immergere le foglie in acqua ghiacciata. Per la fett’unta strofinate il pane con l’aglio, adagiare il cavolo e condire con olio extravergine di oliva nuovo, sale e pepe.

Fett’unta di erbi

In alternativa al cavolo nero si possono lessare delle piante spontanee raccolte lontano da fonti inquinanti: borragine, tarassaco, buon enrico, finocchiella… Una volta scottate si adagiano sopra la fetta di pane strofinata con l’aglio. Si condisce con olio, sale e pepe, e sopra facoltativamente si può aggiungere del pecorino a scaglie.

Fett’unta con cannellini

Le fette di pane abbrustolite alla piastra o alla griglia vengono strusciate di aglio, ricoperte con qualche cucchiaiata di fagioli caldi ben scolati della loro acqua di cottura. Condite con abbondante olio extravergine di oliva e un giro di pepe macinato fresco.

__________________________________________________________________________________________________________

Ricetta tratta dal libro Toscana vegetariana

La cucina toscana è solitamente associata a piatti ricchi di carne, dagli arrosti alla trippa e alla famosa, ma di recente invenzione, bistecca alla fiorentina. Nella tradizione culinaria di questa regione abbondano invece verdure, cereali e legumi, cucinati con fantasia e con risultati sorprendentemente buoni per ogni palato. Si tratta di preparazioni ottenute con prodotti radicati nella storia del territorio e conosciuti ben oltre i confini regionali come vere e proprie eccellenze. Tra i tanti, citiamo l’olio extravergine di oliva, le diverse tipologie di fagioli, il carciofo violetto, il cavolo nero, almeno sei tipi di pomodori, la cipolla di Certaldo e lo zafferano di San Gimignano. Senza dimenticare i vini rossi e bianchi, che negli ultimi anni possono contare sulla qualità offerta da tanti piccoli produttori biologici e biodinamici.

Il libro cerca di intromettersi in questo mondo, presentando un ampio ventaglio di piatti e ingredienti rappresentativi delle diverse aree produttive, dalla Toscana collinare fino a quella litoranea, dal capoluogo alle città più piccole, dalla Maremma alla Versilia, dal Casentino alla Garfagnana, per ricercare ricette prelibate e fedeli ai prontuari della tradizione, alcune lievemente modificate, come principio etico, nell’ottica di non violenza e rispetto verso gli animali.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

 

SFOGLIA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO


di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento