Pesto di tarassaco

Marzo è il momento ideale per la raccolta delle erbe spontanee, come il tarassaco, o Dente di leone, un alleato per la nostra salute, dalle spiccate note amare e dal forte potere depurativo. Un vero concentrato di salute e bontà, proposto in una ricetta crudista, adatta a esaltarne le proprietà.

17 Marzo 2020
Pesto di tarassaco. Ricette vegan

Il tarassaco è una pianta ricca di virtù, utilizzata in erboristeria per le sue proprietà depurative, amaro-toniche e diuretiche.

Scegliete le foglie che si presentano integre e turgide di un bel verde brillante, scartate i mazzetti con foglie annerite e flaccide.

Un alleato detox e nutriente

Un valido aiuto per depurarci delle scorie, capace di liberarci dalle tossine e favorire la diuresi, il tarassaco nutre anche il fegato di sostanze zuccherine e amare ben equilibrate: è ricco di inulina, uno zucchero facilmente assimilabile dal fegato, che nutre e sostiene a basso costo insulinico le attività metaboliche. I suoi toni amari, poi, stimolano l'espulsione della bile e la fluidificano.

Le foglie, in base a recenti studi, si sono dimostrate ricche di zeaxantina e luteina, due sostanze che si sono rivelate particolarmente utili per prevenire le degenerazioni senili dei nostri occhi, come la cataratta.

Per ottenere questi benefici possiamo servirci dei suoi estratti, ma dobbiamo anche ricordare che il dente di leone è un parente stretto di cicorie e indivie e, proprio come queste, possiamo consumarlo crudo o cotto, in primavera, quando le sue foglie sono giovani, o anche in autunno, quando rivegeta.

PESTO DI TARASSACO

Ingredienti per 4-6 persone

• 300 g di foglie fresche di Tarassaco
• 100 gr di noci o mandorle, oppure 120 g di semi di girasole
• olio extravergine di oliva q.b.
• 1 spicchio di aglio
• un pizzico di sale
• la buccia grattugiata di un limone bio non trattato

Se gradite: un pizzico di peperoncino in polvere

Possibili varianti:
Possiamo rendere più amabile il pesto, sia come consistenza che come sapore, utilizzando al posto della frutta secca o dei semi oleosi (oppure in contemporanea dimezzandone però le quantità) i seguenti ingredienti:
• 1 avocado sbucciato e tagliato a dadini e poi frullato con gli altri ingredienti
• 150 g di tofu al naturale precedentemente sbollentato per pochi minuti in acqua salata e poi frullato con il resto degli ingredienti.

Procedimento

Lavate bene il tarassaco, togliete le parti non commestibili e mettetele nel frullatore. Unite le noci o le mandorle, o i semi di girasole (volendo potete provare anche con le nocciole, le noci americane... o un mix di frutta secca).

Mettete nel frullatore uno spicchio d'aglio pulito e diviso a metà e un pizzico di sale. Aggiungete l'olio extravergine di oliva (circa mezzo bicchiere) e frullate fino a ridurre gli ingredienti a una purea omogenea, morbida e compatta. Se necessario potete aiutarvi con poca acqua calda.

Ponetelo in una capiente ciotola, grattate la buccia del limone e mescolate bene. Assaggiate di sale, correggete se necessario (chi lo gradisce può aggiungere anche un pizzico di peperonciono) e usate per gustose bruschette o per condire i vari cereali e i primi di pasta (come orecchiette, farfalle e linguine).

_____________________________________________________________________________

POTREBBE INTERESSARTI

PIANTE SPONTANEE IN CUCINA

Un manuale pratico e agile per riconoscere e imparare a utilizzare in cucina le piante spontanee più comuni, nutrimento per eccellenza, poiché conservano intatto il loro primordiale potenziale energetico-curativo.

Il volume contiene oltre 150 ricette a base di fiori, foglie, radici e frutti selvatici per preparare primi piatti, sformati, dolci e persino bevande secondo i criteri dell'alimentazione naturale.

A corredo del libro, un poster pieghevole a colori con le riproduzioni di tutte le piante trattate, da utilizzare come promemoria.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

di Federica Del Guerra


Forse ti interessa anche:

Posta un commento