Tarte provenzale alla farina di orzo

La tarte è spesso una torta dolce, ma in questa ricetta ne viene presentata una versione salata vegetariana a base di formaggio e pomodori. Da provare!

09 Settembre 2019
Tarte provenzale alla farina di orzo. Ricette vegetariane

Ingredienti per una teglia di 20 cm di diametro

• 150 g di farina integrale di orzo
• 1 uovo
• 50 ml di olio extravergine di oliva
• sale

Per la farcitura
• 100 g di Emmental
• 150 g di pomodorini
• cipolla (eventuale)
• mostarda
• erba cipollina

Inoltre
terrina, carta da forno, teglia di 20 cm di diametro

Procedimento

Mettete in una terrina la farina integrale di orzo e il sale. Mescolateli fra loro, quindi incorporate l’uovo e l’olio. Lavorate dapprima con una forchetta poi con le mani unte di olio. Otterrete un impasto inusuale, rustico e poco elastico.

Tagliate due pezzi di carta da forno. Adagiate l’impasto su uno dei fogli, sovrapponete l’altro e tirate l’impasto con il mattarello. La sfoglia deve rimanere un po’ spessa. Foderate la teglia che preferite togliendo lo strato di carta superiore.

Date la forma alla vostra torta eliminando la parte di impasto eccedente. Spalmate sulla base due cucchiai di mostarda, appoggiate le fette di Emmental e completate sovrapponendo uno strato di pomodorini affettati ed, eventualmente, la cipolla.

Cospargete di erba cipollina e infornate per 40 minuti a 170°. Servite tiepida o a temperatura ambiente.

 

Per saperne di più

Esiste una gran varietà di torte salate. Prendiamo ad esempio la tarte e la quiche… Qual è la differenza? Sembrano uguali e in effetti la pasta può essere la stessa, brisée, sablée o sfoglia, ma varia la farcitura. Mentre la quiche viene farcita con un impasto a base di uova e panna, la tarte salata si sposa con verdure o formaggio. Inoltre spesso la tarte viene preparata dolce.
La cake salata, invece, ha un impasto che ricorda la classica torta sbattuta, cioè 3 uova, 100 g di farina, 1 sacchetto di lievito per torte salate, 80 ml di olio, 100 g di groviera o parmigiano grattugiato e 130 ml di latte. Una volta formato l’impasto base non rimane che l’imbarazzo della farcitura, che può essere fatta di olive verdi o nere, noci, pinoli, basilico, semi di papavero o di girasole, formaggi, pomodorini, zucchine, porri…Va fatta cuocere in una teglia da plumcake e tagliata a fette.
In ultimo abbiamo la classica pie americana con la base di pasta brisée e la copertura di sfoglia; richiede una farcia densa formata da patate, uova, carne, verdure o pesce. Anche questa, come la tarte, si può preparare in versione dolce.

_______________________________________________________________________________________________________________

Ricetta tratta dal libro Abbasso l'indice glicemico

L’indice glicemico è un indicatore fondamentale per la nostra salute, rileva la capacità di un alimento di aumentare la glicemia nel sangue. Questo non significa che dobbiamo rinunciare a pane, pasta, dolci… ma che è meglio sostituire alcuni ingredienti con altri a basso IG.

Mettiamo quindi al bando farine raffinate, zucchero bianco, cibi industriali e sostituiamoli con prodotti integrali, con dolcificanti naturali come stevia, agave, cocco, betulla e miele
d’acacia, con cereali e pseudocereali come quinoa, amaranto, grano saraceno, orzo e avena. E poi portiamo in tavola tanti legumi, semi oleosi, ortaggi e frutta a chilometro zero.

Insomma è importante privilegiare ingredienti a basso IG, di stagione e possibilmente biologici, rispettosi della nostra salute e dell’ambiente.

Provando le ricette proposte in questo libro – i primi e i piatti salati, i finger food e i dolci, senza dimenticare i consigli per la colazione – potremo finalmente dire a gran voce: «Abbasso l’indice glicemico!».

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento