Un modello 100% biologico e’ possibile: l’esempio del Sikkim

È stato il primo ministro dello Stato indiano del Sikkim, Pawan Kumar Chamling, a presentare a Roma, alla Camera dei Deputati, l'esperienza condotta nel suo territorio: la conversione a biologico del 100% della produzione agricola. Un esempio da seguire e che dimostra che è possibile abbandonare l'agricoltura che si basa sulla chimica tossica.

16 Ottobre 2018

Pawan Kumar Chamling, primo ministro dello stato indiano del Sikkim, ha spiegato, durante un incontro a Roma alla Camera dei Deputati, come il suo Stato ha convertito al biologico il 100% della propria produzione agricola. Era presente anche Vandana Shiva, presidente di Navdanya International  e membro del comitato esecutivo del World Future Council , oltre a diversi esponenti politici.

Il Primo Ministro del Sikkim si è recato a Roma, in occasione dell'assegnazione del Future Policy Award , per ritirare il primo premio dedicato alle migliori politiche globali per l'agroecologia e ha cosi commentato l’assegnazione del prestigioso riconoscimento allo Stato del Sikkim, riconosciuto come modello di agricoltura biologica e biodiversa a livello globale: “Dal momento in cui fu annunciata la risoluzione, presso l’Assemblea Legislativa, di convertire l’intero stato al biologico abbiamo incontrato diverse resistenze da parte dell’opposizione e dagli stessi agricoltori, ma abbiamo proseguito con determinazione. Siamo lieti che altri vogliano prendere ispirazione dal nostro lavoro, come il Kerala ed altri stati dell’India nord orientale. Per ottenere risultati siamo stati sempre in prima linea con diverse politiche pubbliche, per esempio la gestione dei rifiuti, la protezione delle foreste, dei ghiacciai e del clima, oltre all’educazione. Voi siete curiosi di conoscere la nostra esperienza, ma anche noi abbiamo un grande interesse nel conoscere altre esperienze in questo campo in altre parti del mondo. Un mondo 100% ad agricoltura biologica e’ possibile; non c’e’ ragione per cui gli agricoltori, le comunità e le istituzioni non possano continuare ad impegnarsi in questa direzione”.

Un futuro libero da veleni

Vandana Shiva ha cosi’ commentato il successo della conversione al 100% biologico del Sikkim a cui la sua organizzazione, Navdanya, ha contribuito attivamente: “E’ un premio meritatissimo, ma e’ anche un faro per il futuro. L’unico futuro possibile e’ creare un mondo libero dalla dipendenza dai combustibili fossili, libero dai veleni e dalla plastica, in cui si produca cibo sano e biodiverso. Abbiamo distrutto i nostri suoli, creato le migrazioni forzate dalle terre private, depredate delle risorse di base a causa anche della crisi climatica. Ci troviamo di fronte alla sesta estinzione di massa delle specie viventi, a crisi di siccità e inondazioni in ogni parte del mondo. Inoltre i piccoli agricoltori stanno abbandonando le loro terre, mentre il nostro sistema alimentare sta creando una crisi sanitaria globale. Nonostante ciò ancora vengono proposte false soluzioni con lo stesso paradigma ideologico che ha creato le crisi a cui assistiamo: per esempio la visione di un’agricoltura senza agricoltori, totalmente digitalizzata e controllata dalle grandi aziende dell’agrochimica e i nuovi ogm. E’ una visione senza futuro. Noi, insieme, abbiamo una visione differente, che salvaguardi la biodiversità, i territori, le comunità agricole, le economie locali, la democrazia, attraverso una transizione verso un sistema agroalimentare che rispetti la terra, la naturale evoluzione della biodiversità e la dignità delle persone e delle culture”.

Ha moderato la conferenza Lucio Cavazzoni, già presidente di Alce Nero, che ha dichiarato: “È possibile ‘ricontadinizzare’ molte delle nostre colline e montagne, con l’aiuto del digitale, di una rete diffusa e capace, dell’amore per il proprio territorio . È un lavoro nuovo quello che mira alla salute dell’uomo e del pianeta. Biologico è inno alla vita!”.

Un modello esportabile

Il primo ministro del Sikkim e Vandana Shiva, insieme alle donne dell'Himalaya hanno congiuntamente annunciato l'iniziativa per un Himalaya totalmente biologico e biodiverso, finalizzato a diffondere il modello che il Sikkim ha costruito nell'arco di 15 anni, che ha dimostrato come un modello agricolo 100% biologico e basato sui principi dell'agroecologia e dell'economia circolare locale sia non solo possibile, ma anche vantaggioso, in quanto le aziende agricole che praticano un' agricoltura biologica e biodiversa sono il 20% più produttive  rispetto alle aziende monocolturali che utilizzano input chimici. Navdanya ha collaborato all'iniziativa  di convertire l'intero paese al biologico, fornendo formazione agli agricoltori e ai responsabili istituzionali del settore agricolo.

Il modello agroecologico e' in grado di dare vita ad un ciclo virtuoso tra agricoltori, ambiente, territorio e comunità e rappresenta la base di un impegno congiunto mirato alla transizione globale verso un'alimentazione e un'agricoltura senza veleni entro il 2050.

La presentazione dell'iniziativa a favore della conversione dal sistema agro-alimentare convenzionale, avviene in seguito a una serie di dati recentemente raccolti rispetto alla maggiore profittabilità delle imprese che praticano il biologico all'interesse crescente dei consumatori nei confronti del settore, oltre all'evidenza degli effetti negativi dell'attuale sistema di produzione alimentare sull'ambiente e sulla salute, come ampiamente dimostrato dalla recente pubblicazione di Navdanya International, il Manifesto "Food for Health"  (Cibo per la salute), edito da Terra Nuova Edizioni .

"Cibo e salute"

L'importanza di un cambio di paradigma in agricoltura, di tecniche di coltivazione che rispettino il suolo, di un cibo sano che garantisca salute; così come la necessità di mettere un freno allo strapotere delle multinazionali che stanno distruggendo ciò che mangiamo e il mondo in cui viviamo. È di questo che si parla nel libro "Cibo e salute" , grazie al contributo di quattro studiosi ed esperti impegnati in prima persona in questa battaglia di civiltà.

Il volume è edito da Terra Nuova Edizioni.

Vandana Shiva è presidente di Navdanya International, da anni impegnata a sostenere e diffondere un'agricoltura  rispettosa di ambiente e salute; Bhushan Patwardhan è biochimico ed esperto di nutrizione; Mira Shiva è medico e attivista. Vi è inoltre il contributo esclusivo del dottor Franco Berrino, epidemiologo e presidente dell'associazione "La grande via".

Il libro contiene, in appendice, il Manifesto “FOOD for HEALTH”, un accorato appello alla resistenza alimentare sottoscritto da Vandana Shiva e altri undici esperti a livello internazionale. 

Una vera rivoluzione oggi può e deve partire dalla produzione del cibo, un grande campo di azione dove il sistema agroalimentare globalizzato ha cancellato la biodiversità, avvelenato il suolo e reso la nostra dieta sempre più omologata e insostenibile.        

di Terra Nuova

Posta un commento