Studenti in sciopero per il clima: il 15 marzo manifestazioni in tutto il mondo

Il 15 marzo anche in Italia gli studenti di diverse città manifesteranno per chiedere interventi drastici contro il cambiamento climatico. Ispirati dall'impegno e dalla determinazione di Greta Thunberg, la sedicenne svedese che ha parlato dal palco alla Cop24 e a Davos in difesa del clima, centinaia di migliaia di studenti in tutto il mondo stanno dando vita a un movimento che ha deciso di far sentire la propria voce: i Fridays for Future. Intanto ogni venerdì studenti in varie città d'Italia stanno scioperando dalla scuola per manifestare davanti ai palazzi istituzionali.

04 Febbraio 2019

Il 15 marzo anche in Italia gli studenti di diverse città manifesteranno per chiedere interventi drastici contro il cambiamento climatico. Sarà l'evento rappresentativo di un movimento ormai globale che ha preso il nome di Fridays for Future, declinato con i nomi di tutte le città e nzioni che aderiscono. La manifestazione globale del 15 marzo ha l'adesione di oltre quaranta paesi e si ispira all'attivista sedicenne svedese Greta Thunberg. Inoltre, già dal dicembre scorso ogni venerdì in svariate città italiane gruppi di ragazzi manifestano davanti ai palazzi istituzionali per sensibilizzare l'opinione pubblica e i politici.

Hanno iniziato in sordina, in pochi, davanti a palazzo Marino a Milano, poi a Pisa, Torino, Roma, Brescia, Genova, Taranto, Bari, Napoli, Como, presto anche a Udine. Sono gli studenti che hanno raccolto l'appello lanciato da Greta Thunberg in conclusione della Cop24, quando, prendendo atto dell'ennesimo "quasi nulla di fatto" dei "grandi", ha sollecitato tutti i ragazzi a mobilitarsi in prima persona per far sentire la voce delle giovani generazioni. Si sono chiamati FridaysForFuture, hanno già una pagina Facebook di richiamo nazionale e ogni città sta aprendo i propri canali di comunicazione.

E per il 15 marzo il movimento globale studentesco che si sta organizzando ha lanciato, appunto, la "chiamata" per manifestazioni di protesta in tutto il mondo per chiedere azioni urgenti a difesa del clima. Hanno già aderito una quarantina di paesi, tra cui l'Italia.

«In Italia, come poi nel resto del mondo, la mobilitazione è nata dal basso, da tanti singoli che si sono sentiti "convocati" dalle parole di Greta» spiega Sarah Marder, milanese, una delle prime a presentarsi sotto palazzo Marino per protestare ogni venerdì. Sarah non è più un'adolescente, ma si è buttata a capofitto in questa mobilitazione per i suoi quattro figli, che sostengono le sue motivazioni. Ed è circondata da decine e decine di ragazzi e «di persone di ogni età», ci tiene a spiegare, «perché qui si sta riuscendo a mobilitare veramente un po' tutti».

«Non abbiamo un'organizzazione gerarchica, i ragazzi si stanno dando da fare in decine di città, ma tutto si muove dal basso, dai singoli» spiega Ivan, 20 anni, studente in beni culturali all'università Statale di Milano, che ogni venerdì si reca davanti a Palazzo Marino. «C'è comunque un grande fermento e siamo fiduciosi, la battaglia per il clima sta catalizzando l'attenzione di fasce di età molto trasversali, dai bambini fino ai settantenni. Siamo in contatto con i movimenti di altri paesi e con associazioni ambientaliste storiche e recenti; è veramente necessario che ci sia una presa di coscienza anche nel nostro paese, anche perché c'è veramente in gioco il nostro futuro. Se veramente abbiamo solo una manciata di anni per evitare il disastro, chi più dei giovani possono e dovrebbero sentirsi coinvolti?».

«In altri paesi i giovani sono comunque molto più consapevoli, sensibili e informati rispetto all'Italia» dice Marianna, 17 anni, al quarto anno di liceo scientifico a Pavia. «Ma non bisogna mollare, io, e tanti altri come me, stiamo dando il massimo. Bisogna far crescere la mobilitazione tra i ragazzi, tra i giovani, bisogna che anche nel nostro paese le coscienze si animino e prendano a cuore l'impegno che oggi è indispensabile. Il 15 marzo dobbiamo essere moltissimi nelle piazze e davanti ai palazzi istituzionali di tutte le città d'Italia, è un impegno che dobbiamo a noi stessi».

QUI il discorso di Greta Thunberg sulla piattaforma TED

Intanto, anche il meteorologo Luca Mercalli è sceso in campo per sostenere la mobilitazione studentesca e in un video sollecita e invita tutti a unirsi alla protesta.

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

troia nn lo so

05/03/2019 19:53

e inutile e fa perdere tempo

Posta un commento