Kamut: un mito da sfatare

L'articolo è disponibile sul mensile Terra Nuova Marzo 2010.

08 Marzo 2010

Sommario:

OGM - L'Italia apre agli ogm

INCHIESTA - Attenzione alle tinture per capelli

CUCINA NATURALE - Sapori di fine inverno

ALIMENTAZIONE – Kamut: un mito da sfatare

AGRICOLTURA - L'orto sul balcone

BIOEDILIZIA - La casa di paglia

AMBIENTE - Body scanner: il rischio per chi viaggia

COHOUSING - Il cohousing a Roma

ECOTURISMO - Ecovacanze: natura, colore ed energia

EQUO E SOLIDALE - Città equosolidali

MAMMA E BAMBINO - Allattare fa bene anche alle mamme

NUOVA EDUCAZIONE - Quando ai bambini manca la natura

SALUTE NATURALE - Massaggio infantile: un tocco d'amore

Trovi Terra Nuova Marzo 2010 disponibile nella versione pdf qui.

-

Terra Nuova: il mensile per cambiare se stessi e il Pianeta

39 anni di pubblicazione, 100 pagine in carta riciclata al 100%, oltre 23.000 copie mensili, 10.000 abbonati: questi sono i numeri di Terra Nuova, il mensile che dal 1977 costituisce uno strumento insostituibile di controinformazione per chi vuole cambiare in meglio la propria vita.

Terra Nuova non è distribuito in edicola: si trova in vendita in oltre 1200 tra centri di alimentazione naturale, librerie specializzate, botteghe del mondo, ambulatori di medicina naturale e altre realtà che si occupano di consumo critico e sostenibile. Per trovare il distributore più vicino: www.negoziobio.info

Oppure puoi riceverlo comodamente ogni mese a casa tua sottoscrivendo l'ABBONAMENTO : in omaggio ricevi il libro CUCINA NATURALE IN 30 MINUTI.

-

Non conosci ancora Terra Nuova?

Leggi una copia omaggio qui...

di Terra Nuova

Andrea

27/01/2015 19:21

Buonasera,
parlando di “prodotto nostrano” - "chilometro zero", mi permetto di segnalare una coltivazione di grano Khorasan fatta in Alta Langa (Piemonte); il sito di riferimento è http://www.langut.it

alfredo fasola

23/12/2011 15:31

In questo articolo vi sono cose giuste ma molte inesattezze.
Noi a Torre Colombaia abbiamo preso 50 kg di kamut dal Baule Volante, proveniente dagli USA , nel 1997 e l'abbiamo sempre riseminato da allora.
Bob Quinn ci voleva fare causa per il nome , ma alla fine ha accettato che lo chiamassimo "grano del faralone".
1. Non mi sembra che la ditta Kamut spacci questo cereale come adatto ai ciliaci; in fatti contiene meno glutine che gli altri grani, ma un po' ne contiene;
2. OK x la Saragolla . Io stesso ho portato kamut e Saragolla all'universita' di Agraria di PG e mi hanno confermato che sono similissimi.
La Saragolla fu introdotta alcuni secoli fa dai protobulgari in Italia (Saragolla vuol dire "chicco giallo" in lingua protobulgara)
3. Completamente sballata è la tabella del glutine , comparativa tra kamut e altri grani. A noi ci risulta in base alle nostre analisi che :
proteine: 11,7
di cui glutine: 1,14.
Cio' conferma la teoria secondo cui molti grani antichi hanno questa caratteristica di avere molta proteina e poco glutine: tendenza artificialmente contrastata gia' da vari decenni da organizzazioni di pastificatori e fornai sopratutto in usa e poi in europa, per far aumentare il contenuto di glutine nei grani di origine . Ma cosi' facendo generando la diffusione di vari livelli di intolleranza all'eccessivo glutine in fasce sempre piu' estese di popolazione. Di qui il ritorno sacrosanto ai grani antichi, come appunto il kamut, saragolla e simili.

4. Il costo piu' elevato si giustifica - parzialmente - dal fatto che almeno da noi il "grano del faraone" produce 15-20 q.li ettari contro 30-35 del grano tenero normale (in biologico), e spesso si alletta data la sua altezza

5. Giusta l'osservazione del km zero. Non a caso molti clienti nostri preferiscono il nostro grano del faraone, dell'umbria, al kamut dal canada, proprio per questa ragione (come dice Vandana Shiva: prodotti biologici antiecologici per la co2 che consumano per essere trasportati qui)

Cordialmente
alfredo fasola,. az. Torre Colombaia (PG), 075 87 87 341
p.s. su queste tematiche potete contattare il prof. Benedettelli, Univ. di Firenze 328 08 18 413

romanell cosimo

21/08/2011 12:55

sono un agricoltore,e quindi,se decidessi di seminare il cosiddetto "Kamut", lo potrei fare e e si a chi mi dovrei rivolgere?
saluti
Mino Romanelli

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra