European Consumers: «Contribuiamo tutti a mappare gli alberi monumentali in Italia»

L'associazione European Consumers ha verificato quanti Comuni italiani sono in regola con l'obbligo di mapare gli alberi monumentali, «patrimonio che va tutelato soprattutto in un momento come questo in cui vige una dissennata politica di abbatimenti» dicono. Ed ecco i risultati.

31 Dicembre 2019

Secondo la legge numero 10 del 14 gennaio 2013 i Comuni sopra i 15.000 abitanti sono tenuti a censire le loro alberature monumentali. Ma, «secondo gli elenchi aggiornati all'aprile 2019 pubblicati dal Ministero per le politiche Agricole e Forestali, su 8095 Comuni quelli che hanno segnalato alberi monumentali nel loro territorio sono solo 1154»: lo fa sapere l'associazione European Consumers.

«Dalla nostra ricerca emerge il dato certo che gli enti comunali non sembrano in grado di censire adeguatamente le loro alberature monumentali e spesso i catasti appaiono poco più che simbolici - spiegano dall'associazione - Dei Comuni con più di 15.000 abitanti meno di un terzo risulta averle censite. Il rapporto con le superfici forestali o con le superfici a verde pubblico non mostra alcuna correlazione e sembra più che altro conseguenza di arbitri locali nella classificazione. Proprio dove risulta maggiore la densità di popolazione e l’estensione del territorio urbanizzato emerge una scarsa attenzione ai patriarchi arborei».

«Il pericolosissimo Testo Unico Forestale e la dissennata politica dei Comuni, che sembrano temere maggiormente le alberature monumentali che il degrado ambientale, rappresentano una sicura minaccia se queste emergenze ecologiche e paesaggistiche non sono adeguatamente censite e periodicamente controllate - prosegue l'associazione -Invitiamo tutti i cittadini a impegnarsi per segnalare le alberature monumentali presenti nel proprio Comune. Se il sindaco non si mostra sensibile potete inviare la richiesta di iscrizione direttamente al MIPAAF compilando le apposite schede ».

QUI per consultare il rapporto completo

di Terra Nuova

Posta un commento